Kurdistan iracheno svende petrolio al regime israeliano

Visualizzazioni : 18

La regione semi-autonoma del Kurdistan iracheno sta segretamente vendendo petrolio al regime israeliano a prezzi fortemente ribassati. Il petrolio è prodotto a Erbil e Sulaymaniyah e poi trasferito nei porti turchi di Mersin e Ceyhan attraverso la piccola città irachena di confine di Zakho. Da lì, viene caricato su petroliere che lo portano nel grande porto israeliano di Ashdod.

Kurdistan-irachenoIl quotidiano britannico Financial Times ha riferito lo scorso agosto che Israele aveva ottenuto il 75% delle sue forniture di petrolio dal Kurdistan iracheno, con oltre un terzo di quelle esportazioni che attraversavano il porto di CeyhanI leader del Kurdistan sono stati riluttanti ad impegnarsi in un dialogo con Baghdad al fine di risolvere le questioni in sospeso sui flussi di petrolio fuori dalla regione.

Alla fine di febbraio, il ministro iracheno del Petrolio, Thamer al-Ghadhban, ha dichiarato che il governo centrale non ha ancora ricevuto la sua quota di petrolio prodotto dai campi del KurdistanL’Organizzazione dello Stato dell’Iraq per la commercializzazione del petrolio (Somo) non ha ancora ricevuto la sua quota di 250mila barili di greggio dai giacimenti petroliferi del Kurdistan nel quadro del bilancio federale del 2019 dell’Iraq”, ha dichiarato Ghadhban ai media di stato al-Iraqiyah.

A novembre, le parti erano vicine alla conclusione di un accordo per ricominciare le esportazioni di petrolio dal territorio conteso di Kirkuk a seguito della pressione degli Stati Uniti per aumentare la produzione dopo l’imposizione di sanzioni sull’industria petrolifera iraniana.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è impegnato a ridurre le esportazioni di petrolio dell’Iran a “zero” e l’accordo Baghdad-Kurdistan avrebbe sommato ogni anno 400mila tonnellate di petrolio al rifornimento internazionale, al fine di alleviare l’aumento dei prezzi dopo il possibile calo delle vendite iranianeIl commercio petrolifero curdo con Israele è in contrasto con le leggi irachene che hanno dichiarato legami o contributi al regime come punibili con la morte.

Un anonimo funzionario iracheno ha riferito ad Al-Araby Al-Jadeed che varie fazioni politiche hanno chiesto al primo ministro Adil Abdul-Mahdi di discutere la questione con i funzionari curdi e di trovare un modo per porre fine al business del contrabbando di petrolio.

Rete sofisticata

Secondo i rapporti, Israele e commercianti illegali curdi e turchi hanno sviluppato una sofisticata rete di petroliere che trasferiscono liberamente il petrolio iracheno in Israele usando identità false.

Il sito israeliano Haaretz ha riferito l’anno scorso che Samir Madani, un commerciante di petrolio del Kuwait, ha registrato alcune irregolarità nei percorsi di alcune petroliere che si dirigono verso il Canale di Suez dal porto turco di Ceyhan.

I dati di TankerTrackers.com, una piattaforma co-fondata da Madani che detiene record di tutte le spedizioni petrolifere, hanno mostrato che una particolare nave cisterna ha fatto una sosta inaspettata vicino alle acque territoriali israeliane nel Mediterraneo orientale, ha disattivato il suo transponder di identificazione e “riemerse” alcune giorni dopo, “misteriosamente” più leggero di quando aveva lasciato CeyhanLa nave poi è tornata in Turchia per caricare petrolio iracheno e ha ripetuto il viaggio.

Somiglianze con i rapporti petroliferi Israele-Isis

Secondo un rapporto del quotidiano israeliano Globes nel 2015, i contrabbandieri siriani e turchi hanno utilizzato metodi di spedizione simili per vendere petrolio rubato dai territori controllati dall’Isis in Siria“Israele in un modo o nell’altro è diventato il principale marketer del petrolio Isis, senza di loro, la maggior parte del petrolio prodotto dall’Isis sarebbe rimasta tra Iraq, Siria e Turchia”, ha riportato il giornale citando un anonimo funzionario del settore in un’intervista al Al-Araby Al-Jadeed.

Il sostegno di Israele alla secessione del Kurdistan iracheno

Il commercio di petrolio sarebbe stato quasi impossibile senza il gasdotto esistente tra la Turchia e la regione del KurdistanAnkara ha minacciato di bloccare le forniture di petrolio dal Kurdistan iracheno quando il governo regionale del Kurdistan (Krg) ha tenuto un referendum indetto dall’indipendenza non vincolante per la separazione dall’Iraq nel 2017Il regime israeliano, d’altra parte, ha espresso un forte sostegno per i “desideri” dei curdi secessionisti e ha detto che stavano dimostrando “maturità nazionale e maturità internazionale“.

Secondo il sito web israeliano i24, il commercio di petrolio tra Israele e il Kurdistan iracheno è crollato dopo il fallimento del referendum di indipendenza e le vittorie del governo centrale nel riconquistare i campi petroliferi chiave di Kirkuk dal controllo curdo.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi