/ Attualità / Kashmir, dopo 70 anni Onu denuncia atrocità

Kashmir, dopo 70 anni Onu denuncia atrocità

Redazione on 6 ottobre 2018 - 05:32 in Attualità, Primo Piano

Kashmir – È un dato di fatto che in una situazione di conflitto, le parti contendenti mirano ad ottenere il massimo vantaggio principalmente a scapito dell’avversario. In tal modo, tuttavia, entra in gioco una logica puramente realistica in cui esercitare la massima potenza per ottenere il massimo guadagno è lo stato di diritto. Nessun compromesso, nessuna compassione e niente di meno che una vittoria completa sull’altro è accettabile. Mentre è noto che il conflitto è onnipresente in natura e segue un certo ciclo vitale prima di esplodere in una guerra in piena regola o finire in uno stallo, ha anche una probabilità di essere risolto, gestito o trasformato se vengono impiegate tecniche adeguate e la volontà necessaria. Ciò non solo consente allo spazio di affrontare una situazione conflittuale, ma solleva anche speranze per la minima causa materiale e umana. Un’opzione pertinente in questi casi è quella di “umanizzare” il conflitto attraverso un meccanismo di trasformazione del conflitto in modo da associare la dimensione umana alla controversia e renderla più umana. Ciò aiuta a ridefinire i modi in cui le iniziative per la costruzione della pace potrebbero essere discusse e perseguite. È importante notare che “l’empatia” è essenziale per la costruzione della pace.

KashmirLo stesso è il trattamento che è necessario estendere alla questione del Kashmir, la più aspra disputa territoriale tra India e Pakistan. I due Stati nucleari hanno combattuto la loro prima guerra nel 1948 proprio su questo tema e sono stati coinvolti in continue schermaglie lungo la LoC (Line of Control),di tanto in tanto, al punto che oggi è visto come un punto di infiammabilità nucleare tra Pakistan e India. È importante identificare che gli stakeholder in questo caso non sono solo lo Stato del Kashmir, del Pakistan o dell’India, ma i veri stakeholder sono la gente del Jammu e Kashmir che ha sofferto per più di sei decenni per mano della brutalità indiana e atrocità selvagge.

È ironico che, malgrado i decenni trascorsi e le sofferenze delle persone innocenti del Kashmir, la comunità politica internazionale sia muta sull’argomento in termini di prendere qualsiasi azione pratica contro l’aggressore o addirittura di riconoscere la sofferenza umana in questo caso. Anche se la risoluzione Onu del 1948 suggerisce un plebiscito equo, libero e indipendente, la risoluzione non è mai stata attuata a causa dell’India. Invece, il rapido genocidio dei musulmani del Kashmir è portato avanti da elementi sponsorizzati dallo Stato indiano nel Kashmir per renderlo una terra a maggioranza indù. Il rappresentante permanente del Pakistan presso l’Onu, Amb. Maleeha Lodhi, ha giustamente affermato che “nulla mina la credibilità del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più dell’attuazione selettiva delle sue risoluzioni”.

Nondimeno il Pakistan da parte sua ha sollevato la questione della lotta indigena del popolo del Kashmir su tutte le piattaforme regionali e internazionali su basi puramente umane. C’è più che mai un bisogno immediato di porre fine alle brutalità indiane che hanno persino varcato gli ultimi limiti della barbarie attraverso attacchi con pistole pallettate contro una popolazione civile disarmata e usando spudoratamente persone innocenti come scudi umani legati davanti ai loro veicoli. Un estratto dal libro “The Collaborator” scritto dallo scrittore del Kashmir, Mirza Waheed, dipinge l’orribile immagine della violenza indiana nel Kashmir.

Dopo 70 anni l’Onu denuncia le brutalità nel Kashmir

Questo è solo un assaggio di ciò che sta realmente accadendo lì. Solo il 15 giugno 2018, finalmente il primo rapporto Onu sul Kashmir riconosce la violazione dei diritti umani e la carneficina contro la popolazione locale del Kashmir da parte delle autorità del Kashmir indiano occupato (Iok). Si tratta in effetti di un primo passo positivo che non solo stimolerebbe la comunità internazionale e i controllori dei diritti umani a essere più obiettivi nei confronti del problema del Kashmir, ma evocherà anche la necessaria empatia necessaria per compiere progressi positivi per i diritti fondamentali del popolo del Kashmir. Anche se ci sono voluti settant’anni, la relazione menziona esplicitamente che nell’Iok le persone sono sottoposte a uccisioni extragiudiziali, detenzioni amministrative, torture, sparizioni forzate, e violenza sessuale. Identifica le autorità indiane che sono spietate con la popolazione civile disarmata e che impiegano le azioni più brutali per infliggere l’angoscia umana.

Questo rapporto potrebbe effettivamente servire a due scopi principali: uno, la comunità internazionale dovrebbe ora essere in grado di vedere in bianco e nero l’aggressore e la vittima, e il vero stakeholder cioè il popolo del Kashmir; in secondo luogo, vedere il conflitto dall’obiettivo umano può aiutare a limitare l’escalation e la violenza. La comunità internazionale non dovrebbe permettere all’India di disumanizzare la questione, che finora ha portato solo alla grossolana violazione dei diritti umani e al genocidio dell’India. C’è una grande speranza che la valutazione della questione del Kashmir su basi puramente umane possa dissipare la fuorviante propaganda generata dall’India contro la lotta indigena per la libertà dei Kashmiri. Aiuterà meglio a educare la comunità mondiale sulla questione e ad utilizzare strategie umanizzanti per trasformare efficacemente questo conflitto senza fine.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi