Jamal Khashoggi non è il peggiore crimine saudita

Visualizzazioni : 9

L’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi non è affatto il peggior atto criminale compiuto dall’Arabia Saudita dal 2015, anche se è molto pubblicizzato. Chiunque dubiti di questo dovrebbe leggere un rapporto pubblicato in questo mese indicante che bombardamenti e altre attività militari da parte della coalizione a guida saudita nello Yemen stanno deliberatamente prendendo di mira i civili.

Yemen-khashoggiNon c’è nulla di collaterale o accidentale sugli attacchi secondo il rapporto. Le scorte di cibo civile sono l’obiettivo prefissato con gli orrendi risultati enunciati dall’Onu alla fine di settembre: circa 22,2 milioni di yemeniti hanno bisogno di assistenza, 8,4 milioni dei quali non ricevono abbastanza cibo da mangiare, un numero che può aumentare di 10 milioni entro la fine dell’anno. “È desolante”, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza il capo delle Nazioni Unite per l’umanità, Mark Lowcock, aggiungendo, “Stiamo perdendo la lotta contro la carestia”.

Ma Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e i loro alleati a Washington, Londra e Parigi evidentemente non sentono alcun rimpianto e sono intenti a creare le condizioni per una carestia provocata dall’uomo come il modo migliore per vincere la guerra contro gli Houthi che ancora controllano la capitale Sana’a e le parti più popolate del Paese. Questa è la conclusione del rapporto molto dettagliato chiamato “Le strategie della coalizione nella guerra dello Yemen: guerra aerea e dei bombardamenti” scritto dalla professoressa Martha Mundy per la World Peace Foundation affiliata alla Fletcher School della Tufts University in Massachusetts.

Il rapporto conclude che “se uno danneggia le risorse dei produttori alimentari (agricoltori, pastori e pescatori) accanto al targeting di trasformazione, stoccaggio e trasporto di cibo nelle aree urbane e alla più ampia guerra economica, ci sono forti prove che la coalizione abbia mirato la strategia a distruggere la produzione e la distribuzione di cibo nelle aree sotto il controllo di Sana’a. Aggiunge che la campagna di bombardamenti mirata direttamente alle forniture alimentari sembra essere iniziata nel 2016 e sta diventando più efficace.

Alcuni aspetti della guerra alimentare sono facili da ricordare: sulla costa dello Yemen, nel Mar Rosso, non meno di 220 pescherecci sono stati distrutti e il pescato è diminuito del 50% secondo il rapporto. Cita un episodio particolare il 16 settembre, quando 18 pescatori del distretto di Al-Khawkhah sono stati sequestrati, interrogati e liberati da una nave della coalizione che ha sparato un razzo “alla barca in partenza che trasportava i pescatori, uccidendo tutti tranne uno”. Il rapporto di questo incidente è stato negato dalla coalizione.

La coalizione guidata dai sauditi ha iniziato il suo intervento in Yemen nel marzo 2015 dalla parte del governo filo-saudita di Abdrabbuh Mansur Hadi e contro la resistenza degli Houthi”. In quanto ministro della Difesa saudita dell’epoca, il principe ereditario Mohammed bin Salman era la forza trainante del codice di intervento denominato “Tempesta decisiva”. La campagna aerea della coalizione è coadiuvata dal supporto logistico degli Stati Uniti, mentre il personale militare del Regno Unito si trova nei centri di comando e controllo.

https://www.youtube.com/watch?v=zESv1YFSUIQ&t=140s

All’inizio, gli obiettivi erano in gran parte militari, ma questo cambiò quando la coalizione non riuscì a vincere il rapido successo militare che si aspettavano. La professoressa Mundy afferma che “dall’agosto 2015 emerge uno spostamento da obiettivi militari e governativi a obiettivi civili ed economici, tra cui infrastrutture idriche e di trasporto, produzione e distribuzione alimentare, strade e trasporti, scuole, monumenti culturali, cliniche e ospedali, e case, campi e greggi”.

Copiosamente illustrato con mappe e grafici, il rapporto mostra l’impatto dei bombardamenti e di altre attività militari sulla produzione e la disponibilità di cibo per la popolazione civile. La mancanza di elettricità per pompare acqua e carburante per i veicoli agricoli sono stati tutti esacerbati dagli attacchi aerei. Mundy afferma che “la produzione di bestiame è stata devastata dal fatto che le famiglie bisognose vendevano animali e inoltre trovava sempre più difficile accedere ai mercati”.

Quando gli agricoltori raggiungono un mercato, i loro problemi non sono finiti. Gli attacchi aerei della coalizione sono diventati più letali con l’inizio dell’assedio del porto del Mar Rosso di Hodeidah da parte delle forze guidate dai sauditi e dagli Emirati. Circa il 70% delle importazioni dello Yemen entra nel Paese attraverso Hodeidah, che ha una popolazione di 600mila abitanti. Il 2 agosto il principale mercato del pesce della città è stato attaccato insieme all’ospedale dove erano radunate molte persone.

La mancanza di proteste internazionali sulla guerra in Yemen e il coinvolgimento di Stati Uniti e Regno Unito come alleati dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti, aiuta a spiegare uno dei misteri della scomparsa di Khashoggi. Se i sauditi lo hanno ucciso, si aspettavano forse di eseguire l’omicidio senza produrre un tumulto internazionale? Probabilmente la spiegazione è che i leader sauditi hanno immaginato che, avendo avuto a che fare con le peggiori atrocità nello Yemen, qualsiasi protesta per la morte di un solo uomo nel consolato saudita a Istanbul fosse qualcosa che potevano gestire.

di Cristina Amoroso

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi