La nuova Italia tra miseria e censimenti

censimenti
Visualizzazioni : 114

Il ministro degli Interni italiano, Matteo Salvini, ha difeso il suo piano per censire la comunità Rom che vive in Italia, dopo che i legislatori dell’opposizione hanno criticato l’idea come “razzista e fascista”.

censimentiMatteo Salvini ha sottolineato che un censimento consentirebbe alle autorità di espellere i Rom di nazionalità straniera senza la documentazione adeguata, aggiungendo che “sfortunatamente il governo deve mantenere i Rom italiani”. Oltre alla proteste che si sono accese in Italia, la decisione di Salvini ha suscitato indignazione anche all’estero. L’Unione europea afferma che i cittadini non dovrebbero essere deportati sulla base di criteri etnici.

Matteo Salvini è già sotto tiro a causa del suo rifiuto della scorsa settimana di lasciare attraccare in un porto italiano la nave di soccorso profughi Aquarius con a bordo 630 migranti.

Crediamo che problemi come immigrazione e Rom siano necessari da affrontare per dare dignità a chi patisce queste condizioni inumane, e sicurezza per tutti i cittadini che spesso si trovano a vivere in contesti sociali sempre meno sicuri, e non certo solo per colpa dei rom o degli immigrati.

Quella che sta andando in scena sui migranti in Europa, è la peggior dimostrazione di cinico egoismo e ottusità, da parte di governanti indegni di questo nome e spezzoni di popolazioni dalla memoria corta. Per lucrare facili consensi, politici inetti, incapaci di guidare Nazioni e darle un progetto di credibile sviluppo, cavalcano la paura del “diverso”, additando quelle legioni di disperati come il “nemico” a chi s’è dimenticato di un passato neanche remoto.

Eppure, fra vecchi leghisti e nuovi acquisti dell’ondata xenofoba, in molti dovrebbero ricordare come un tempo erano i veneti a fuggire per abbandonare fame e stenti. E che dire dei magiari, che ora innalzano muri e reticolati contro cui si schiacciano donne, bambini, gente in fuga dalla guerra? Sessant’anni fa erano loro a fuggire dall’Armata Rossa che aveva schiacciato nel sangue la loro rivolta. Cosa sarebbe accaduto se i vicini avessero risposto come loro fanno adesso, invece di aprire le frontiere?

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi