Israele firma accordo di sicurezza con Fronte al-Nusra

Visualizzazioni : 111

Hossein Amir-Abdollahian, consigliere del parlamento iraniano e un influente diplomatico, ha accusato il regime israeliano per le continue tensioni nella Ghouta orientale, dichiarando che i terroristi del Fronte al-Nusra stanno cercando di garantire la sicurezza di Israele dall’interno del territorio siriano.

La scorsa settimana, Amir-Abdollahian ha parlato con i giornalisti degli sviluppi in corso nella regione siriana della Ghouta orientale, affermando che il regime israeliano è la causa dell’escalation. “Il caccia israeliano che è stato abbattuto giorni fa in Siria, ha terrorizzato gli israeliani. Tutte le equazioni nella regione sono state modificate. Mentre alcuni funzionari israeliani hanno dichiarato che è stato un incidente e che non si ripeterà, sanno bene che non è stato un incidente”, ha osservato Amir-Abdollahian.

“I terroristi del Fronte al-Nusra hanno un accordo scritto con Israele per garantire la sicurezza del regime sionista dall’interno del territorio siriano. Gli israeliani sono dietro gli sviluppi e le violenze nella Ghouta orientale. La Siria da ora in poi darà risposte schiaccianti a Tel Aviv e alle sue aggressioni”, ha aggiunto il funzionario iraniano.

Amir-Abdollahian ha osservato che anche in questo caso gli Stati Uniti sono totalmente d’accordo con Israele. Quando i comandanti del Fronte al-Nusra e altri terroristi furono sconfitti nella Ghouta orientale, sollevarono la questione del cessate il fuoco e chiesero all’Onu di fermare gli attacchi ai terroristi.

Amir-Abdollahian ha anche fatto riferimento all’operazione turca nella regione siriana di Afrin, affermando che nessun Paese della regione dovrebbe ancora una volta, con ogni giustificazione, usare la forza e l’opzione militare. “Tutte le parti devono rimanere impegnate a sostenere il processo politico in Siria, aiutare il governo siriano a ripulire il Paese dai terroristi, aiutare il ritorno dei rifugiati e la ricostruzione del Paese”, ha osservato.

Sottolineando che la Turchia nutre preoccupazioni per la sua sicurezza nazionale ad Afrin, Amir-Abdollahian ha espresso la speranza che tutti gli attori in Siria perseguano la risoluzione dei problemi attraverso il dialogo.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi