Isis e la nuova Hollyhood del terrore

Visualizzazioni : 35
di Redazione
Il video pubblicato giorni fa dai terroristi dell’Isis che mostra 21 cristiani copti egiziani sfilare lungo una spiaggia libica prima di essere decapitati, secondo alcuni esperti sarebbe stato falsificato.

Nonostante ciò, nessuno detiene la speranza che le vittime siano ancora vive, in maggioranza erano poveri pescatori andati in Libia per continuare a vivere. Ma diverse anomalie nel video, che è stato pubblicato on-line il 15 febbraio, indicano agli occhi degli esperti che almeno una parte della produzione è stata fatta sul “green screen” con lo sfondo aggiunto in seguito, forse per mascherare la reale posizione dell’atrocità.

Un giorno dopo che il clip è andato on-line, aerei militari egiziani hanno pesantemente colpito una città portuale orientale nei pressi di Tripoli, dove il video sembrerebbe essere stato girato.

“La Manipolazione dei video dell’Isis è diventata una prassi”, ha dichiarato Khan Veryan, direttore editoriale del Terrorism Research & Analysis Consortium con sede in Florida. Gli omicidi probabilmente hanno avuto luogo in uno studio, e l’immagine di sfondo mostrata era probabilmente da un’altra posizione, la baia di Sirte, una parte del Mediterraneo sulla costa settentrionale della Libia. Ci sono diversi errori tecnici nel video che mostrano che è stato manipolato, conclude Khan Veryan.

I video dell’Isis dimostrano chiaramente che questi terroristi dispongono di mezzi e uomini altamente qualificati, degni di una Hollyhood del terrore.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi