/ Focus / Iran, trasformare le sanzioni in opportunità

Iran, trasformare le sanzioni in opportunità

Redazione on 15 novembre 2018 - 07:48 in Focus, Primo Piano

Quando gli Stati Uniti hanno avviato una prima serie di sanzioni contro la Repubblica islamica dell’Iran negli anni ’80, l’Iran ha risposto con una strategia a più piste, trasformando le sanzioni a vantaggio del Paese rafforzando le sue capacità produttive indigene e la sua sovranità. Oggi, la valuta iraniana vede un forte calo di valore e soffre di problemi economici. L’Iran non è l’unico Paese a subire sanzioni statunitensi, tuttavia, la più viziosa e lunga delle guerre economiche degli Stati Uniti è stata contro l’Iran; una nazione che è stata sotto la pressione degli Stati Uniti per decenni per non aver rispettato i dettami dell’America. Oggi, secondo alcuni analisti, l’Iran può trasformare le sanzioni e la guerra economica degli Stati Uniti in un’opportunità per posizionarsi in una posizione più forte e fare del suo meglio per attuare riforme nel Paese.

IranGli Stati Uniti, con un debito nazionale di 21 trilioni di dollari (che è cresciuto ad un tasso di trilioni di dollari l’anno), hanno preso di mira diverse nazioni nel corso degli anni, tra cui Cina, Russia, Iran, Venezuela, Pakistan, Turchia, Cuba, Sudan, Zimbabwe, Myanmar, Repubblica Democratica del Congo, Corea del Nord e altri. Con una politica estera così aggressiva, gli Stati Uniti, secondo alcuni analisti, mettono a rischio l’egemonia del dollaro con il suo impegno costante a rimanere un potere supremo. Con le nuove potenze emergenti, principalmente la Cina e la Russia, gli Stati Uniti potrebbero creare in futuro un mercato senza dollari che è fuori dalla sua portata.

Iran, vincitore politico nell’accordo nucleare

L’Iran è recentemente sprofondato in gravi problemi economici, specialmente dopo l’atteggiamento rabbioso di Trump nei confronti dell’Iran e dell’accordo nucleare. Tuttavia, tale inclinazione economica non può essere attribuita solo alla fine degli accordi statunitensi e alle nuove sanzioni, ma piuttosto a causa di altri motivi che insieme hanno portato a questa situazione.

Secondo l’economista politica Dr. Elaheh Nourigholamizadeh, il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo non è altro che la continuazione delle stesse precedenti sanzioni del regime Usa e politiche aggressive nei confronti dell’Iran. L’analista afferma che i loro effetti sull’economia dell’Iran sono piuttosto negativi. Tuttavia, ha spiegato che “economicamente parlando, sebbene l’accordo nucleare fosse un passo per proteggere l’economia iraniana dalle sanzioni, l’accordo, sin dall’inizio, non ha definito una strategia chiara o politiche certe per contrastare gli effetti negativi delle sanzioni statunitensi imposte alla Repubblica islamica dell’Iran o per portare prosperità nel Paese”.

Di conseguenza, Nourigholamzadeh ha riferito all’agenzia libanese al-Ahed che, anche prima del temporaneo sollievo delle sanzioni nucleari, molti Paesi erano ancora scettici riguardo agli investimenti in Iran o alla firma di accordi economici con il Paese. “Ad esempio, come vediamo nel settore delle compagnie aeree, nonché nei settori bancario e finanziario, questi sono rimasti tutti sotto sanzioni. In molti casi, queste sanzioni nei settori bancario e finanziario sono persino aumentate. Sin dall’inizio, il Jcpoa era più un affare politico, legale e tecnico piuttosto che economico”.

Quindi l’accordo non era inteso a determinare un reale cambiamento a livello economico. Tuttavia, l’analista ha sottolineato che “politicamente parlando, non possiamo dire che l’Iran non ha avuto alcun guadagno dall’accordo. Il punto di vista occidentale sull’Iran come presunta minaccia nucleare e la loro retorica sulla questione sono cambiati. Nourigholamzadeh ha sottolineato che: “Oggi, l’Occidente parla dell’osservanza da parte dell’Iran dei termini e delle condizioni dell’accordo nucleare e dell’Aiea, e della posizione unilaterale e immorale degli Stati Uniti su un accordo che è rispettato a livello internazionale”.

L’accordo ha anche mostrato l’incoerenza e l’inganno degli Stati Uniti sull’arena internazionale, ha ricordato. “Deve essere considerato che fin dall’inizio, il comportamento degli Stati Uniti ha dimostrato che il Jcpoa non dovrebbe risolvere i problemi economici dell’Iran e il suo ritiro dall’accordo rivela la natura inaffidabile degli Stati Uniti e la sua ostilità contro la nazione iraniana”, ha sottolineato Elaheh Nourigholamizadeh. Molti funzionari europei considerano la politica estera dell’amministrazione Trump come un pericoloso “mix di unilateralismo e isolazionismo” che ha combinato con “unisolazionismo”.

Misure per una migliore economia

Per parlare delle misure che l’Iran potrebbe prendere per gestire la sua situazione attuale, l’economista ha dichiarato che queste misure possono essere divise in due aspetti, nazionali e internazionali. “A livello nazionale, l’Iran deve prestare maggiore attenzione ai suoi affari economici. Dovrebbe concentrarsi sul miglioramento e sulla riforma della gestione economica del Paese, sul rafforzamento delle sue infrastrutture economiche e sul sostegno ai suoi produttori nazionali, specialmente in settori come l’agricoltura e la produzione”.

Secondo l’esperto in materia economica, il Paese deve fornire opportunità per il corretto utilizzo dei suoi beni umani, che sono principalmente istruiti, di talento e qualificati. È importante sottolineare che potrebbero incoraggiare le attività economiche del Paese.

“A livello internazionale, penso che l’Iran non dovrebbe lasciare che l’ingiusto regime di sanzioni ferisca la sua posizione internazionale e le sue relazioni bilaterali o multilaterali con altri Paesi del mondo, perché l’Iran crede in un mondo economicamente interdipendente e che i Paesi hanno bisogno l’uno dell’altro per soddisfare i loro bisogni economici”, ha spiegato Nourigholamzadeh.

“Penso che l’Iran dovrebbe aumentare le sue relazioni economiche con le nuove economie emergenti come la Russia e la Cina. Inoltre, deve migliorare la sua relazione con i partner economici regionali come Turchia, Qatar e India. Penso anche che l’Iran dovrebbe prestare più attenzione al bisogno di diminuire la sua dipendenza economica dal petrolio e il risultato di questo tipo di pensiero si concentra maggiormente sulle esportazioni e sulla diversificazione non petrolifere e sull’adozione di politiche che potrebbero aiutare l’economia iraniana come avere altri modi oltre al petrolio per aumentare la sua presenza internazionale nei settori economici”, ha dichiarato l’economista ad al-Ahed, sottolineando che queste misure sono in realtà in linea con le politiche economiche di Resistenza introdotte dall’Imam Khamenei.

L’Iran merita di essere indipendente

Commentando il chiaro messaggio del capo della Repubblica Islamica, Imam Ali Khamenei, quando ha dichiarato che l’Iran non entrerà in guerra con gli Stati Uniti e non si fermerà a discutere, l’analista ha aggiunto che: “L’Iran non ha nulla a che fare con una potenza inaffidabile come gli Stati Uniti. Finché cerca di dettare l’Iran e nega i diritti inalienabili del suo popolo in termini di crescita della propria economia in un modo che merita, il messaggio è chiaro; gli Stati Uniti non dovrebbero interferire negli affari interni della Repubblica Islamica dell’Iran”.

Ha assicurato che “storicamente parlando, l’Iran non ha mai avviato alcuna guerra contro nessun altro Paese nel mondo e ha rispettato la sovranità di tutte le nazioni del mondo. L’Iran continua con queste politiche contro la guerra, quindi non ha intenzione di farlo. L’Iran non siederà per colloqui con un Paese diventato famoso per l’inganno e l’inaffidabilità”.

IranArmonizzazione del comportamento economico e politiche economiche interne

Inoltre, Nourigholamzadeh ha dichiarato che, nonostante il fatto che le sanzioni e le pressioni esterne abbiano un impatto sulla situazione in Iran, ha sottolineato che la svalutazione della moneta non è un nuovo problema in Iran che potrebbe essere attribuito a nuove fenomeni o nuove ragioni economiche. “Penso che questo non sia il posto perfetto per le teorie economiche, tuttavia, penso che è impossibile per un Paese avere libero tasso di cambio, libero flusso di capitali e politica monetaria sovrana allo stesso tempo un concetto che dovremmo tenere a mente”.

Per spiegarlo in termini semplici, Dr. Elaheh ha dichiarato che quando l’economia è libera, la ragione principale delle fluttuazioni valutarie è la differenza tra il tasso di interesse interno e il tasso di interesse estero; ciò significa che quando le persone di un Paese cercano di mantenere il loro potere economico di acquisto (l’acquisto internazionale di energia), valutano la differenza tra tasso di interesse interno e tasso di interesse estero e preferiscono acquistare beni che sono più redditizi per loro.

“In effetti, nel caso della Repubblica islamica dell’Iran, gli iraniani preferiscono acquistare beni esteri perché lo trovano più redditizio. Inoltre, sfortunatamente nel Paese il principio delle risorse estere a disposizione delle persone è denaro, in questo caso dollari ed euro. Quindi, gli iraniani vedono nelle fluttuazioni valutarie la possibilità di comprare dollari o euro per mantenere il loro acquisto internazionale di energia, che a sua volta aumenta la svalutazione della valuta”.

Toccando la situazione economica e la svalutazione della valuta, l’economista ha chiarito che, nonostante le sanzioni ingiuste degli Stati Uniti, ci sono molte diverse ragioni economiche per il problema. Le sanzioni in primo luogo, il mal comportamento economico e la cattiva gestione economica del Paese che è principalmente dipendente dal petrolio”.

La soluzione migliore, ha concluso, “non è fare affidamento solo su un fattore (con questo significato di petrolio), piuttosto trovare un modo per armonizzare il comportamento economico delle persone con le politiche economiche interne o trovare un modo per gestire gli effetti negativi imposti dalle sanzioni. Con ciò, ha assicurato che le politiche interne sull’economia dovrebbero essere riformate, azione che si è avviata in Iran.

Declino del dollaro inevitabile

Infine, toccando la fine dell’era del dollaro, l’analista ha affermato che, nonostante alcune questioni sistematiche rallentino questo processo di declino (poiché quasi il 65% delle riserve monetarie mondiali detenute nei sistemi della banca centrale sono in dollari e quasi il 40% del debito mondiale è emesso in dollari), tuttavia il declino del dollaro e del suo mercato è inevitabile in futuro.

“Prima di tutto, il dollaro è in competizione con l’euro e lo yuan nei mercati internazionali, e ci sono crescenti attività transfrontaliere e finanziarie di nuove potenze emergenti come la Cina e la Russia. In secondo luogo, la fine del dominio del dollaro è un processo duraturo, quando parliamo della fine del dominio del dollaro, parliamo di alternative come i metalli preziosi e le risorse naturali poiché queste sono considerate come ricchezza nazionale. Ma ci sono dettagli che devono essere discussi in termini di questi fattori. Ad esempio, sebbene gli Stati Uniti abbiano una riserva d’oro significativa, tuttavia non viviamo più nell’era della guerra fredda, il che significa che non esiste più alcun commercio comunista e in realtà molti Paesi come la Germania stanno ritirando le loro riserve auree e questo dimostra che esiste un spostamento economico nel sistema mondiale”, ha spiegato.

Quando parliamo di petrolio e gas, l’Iran e il Venezuela sono i principali fornitori di petrolio, ma hanno le sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Quando parliamo di gas naturale, è la Russia il principale fornitore di gas naturale e il suo mercato principale è l’Ue, ma gli Stati Uniti intendono portare l’Ue a sostenere le sue sanzioni contro la Russia, che a loro volta incidono sull’esportazione di gas russo verso l’Unione.

Questi fattori sistematici dell’atteggiamento egemonico degli Stati Uniti rappresentano un ostacolo alla fine del dominio del dollaro. Tuttavia, il suo atteggiamento serve anche a isolarlo a livello internazionale e questo potrebbe aiutare nell’accelerazione della declinazione del dollaro. Quindi la posizione dominante sul dollaro è in calo, ma gli attuali ostacoli sistematici rallentano il processo.

La dottoressa Elaheh ha infine concluso che “l’atteggiamento arrogante degli Stati Uniti ha anche contribuito a rendere i principali attori del mondo cauti nei futuri rapporti con gli Usa, e le economie emergenti come Cina e Russia stanno facendo del loro meglio per fornire un’alternativa al dollaro nel mercato bancario e finanziario globale”.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi