Iran, stop timbri sui passaporti degli stranieri in visita

Visualizzazioni : 10

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha emesso ieri un ordine per il ministro degli Interni, secondo il quale l‘Iran non metterà timbri sui passaporti degli stranieri in visita.

Iran-VisaIl presidente iraniano ha esortato il ministro degli Interni a mettere in atto l’ordine sotto la Forza di applicazione della legge della Repubblica islamica dell’Iran. Il portavoce del Gabinetto, Ali Rabiei, ha dichiarato lo scorso mercoledì che “tramite i suoi piani di terrorismo economico, gli Stati Uniti stanno cercando di spaventare e impedire ai turisti stranieri di fare viaggi in Iran”.

Gli Stati Uniti hanno intensificato il terrorismo economico contro il popolo iraniano. Condannando le misure statunitensi a tale riguardo, i funzionari iraniani hanno esortato gli Stati Uniti a smettere di adottare tali misure sulla via dell’avvio di sviluppi positivi.

Il presidente Rouhani ha dichiarato in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro giapponese Shinzo Abe, il 12 giugno scorso, che la causa di tutte le attuali tensioni nella regione è la guerra economica degli Stati Uniti contro la nazione iraniana.

Il terrorismo economico mette a rischio la vita dei bambini

Il terrorismo economico degli Stati Uniti contro la Repubblica Islamica dell’Iran ostacola le importazioni di attrezzature mediche, mettendo seriamente a rischio la vita dei bambini iraniani affetti da epidermolisi bollosa (Eb).

Le vite di migliaia di bambini iraniani affetti da Eb sono state minacciate negli ultimi mesi a causa della carenza di fasciature delle ferite sulla scia delle ingiuste sanzioni degli Stati Uniti contro l’Iran. Epidermolisi bollosa è una malattia del tessuto connettivo ereditarie che causano vesciche nella pelle e nelle mucose. Le vesciche possono apparire in risposta a lesioni lievi, anche da calore, sfregamento, graffi o nastro adesivo. Nei casi più gravi, le vesciche possono verificarsi all’interno del corpo, come il rivestimento della bocca o dello stomaco. L’Iran comprava le medicazioni per le ferite da un’azienda svedese ogni anno.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi