Iran, nascita Imam Hussein dedicata giorno Irgc

Visualizzazioni : 2

L’interessante idea di dedicare un giorno per i membri del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica dell’Iran (Irgc) e di mettere in relazione questa giornata con l’anniversario della nascita dell’Imam Hussein è un’innovazione significativa. È necessario ringraziare coloro che sono stati i primi a pensare a questa idea e a farci notare questo concetto. Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica ha fatto un’impressionante promessa di salvaguardare la Rivoluzione islamica.

IrgcIl concetto di tutela era incarnato dall’Imam Hussein con tutte le sue dimensioni e con tutti i mezzi necessari e possibili. Questo non vuol dire che altri non abbiano fatto una cosa del genere o non volessero fare una cosa del genere, piuttosto significa che questo movimento è stato pienamente realizzato nel comportamento del Signore dei Martiri durante il suo imamato. Si può chiaramente notare nel suo stile di vita tutti i metodi che avrebbero potuto essere usati da un discendente del Santo Profeta per preservare la grande eredità dell’Islam che è stata tramandata dal Santo Profeta e da suo padre, come i loro veri seguaci.

Possiamo vedere chiaramente tutto nello stile di vita del Signore dei Martiri – tutto ciò che va dalla chiarificazione al preavviso, alla promozione dell’Islam a provocare la coscienza di figure di spicco del suo tempo, durante un sermone a Mina. Tutte queste cose sono tangibili nello stile di vita del Signore dei Martiri. Successivamente si è opposto a una grande deviazione e ha deposto la sua vita. L’Imam Hussein era consapevole delle conseguenze del suo movimento. Era un imam infallibile. La vasta conoscenza e intuizione degli imam infallibili sono oltre le nostre menti.

L’Imam Hussein si è ribellato per dare l’esempio e si è rifiutato di arrendersi. Chiese alla gente di aiutarlo e quando un gruppo di persone di Kufa espresse la sua volontà di accompagnarlo su questa strada, l’Imam Hussein accettò la loro offerta e si spostò verso Kufa; non si è arreso a metà strada. L’Imam Hussein si è schierato contro la corrente deviata del suo tempo, che era estremamente pericolosa. E questa divenne una lezione; Imam Hussein stesso fa lo stesso punto. Vale a dire, ha sostenuto le sue azioni con l’ordine dell’Islam. Ha detto che il suo dovere era quello che stava facendo. Ha detto che doveva esprimere la sua opposizione, non importa quali fossero le conseguenze. Disse: “È bello se il mio destino è una vittoria, e se il mio destino è il martirio, tanto meglio“. Questo è stato il comportamento di Imam Hussein.

Si è comportato con un perfetto esempio di sacrificio di sé; e salvaguardò l’Islam: questa mossa preservò l’Islam: questa mossa ha istituzionalizzato i valori nella società. Se l’Imam Hussein non avesse accettato questo pericolo, se non avesse fatto una mossa, se non avesse agito, se il suo sangue non fosse stato versato, se quelle grandi tragedie non fossero accadute al santuario del Santo Profeta, alla figlia dell’ASI e ai discendenti del Santo Profeta, questo evento non sarebbe passato alla storia. L’evento che avrebbe potuto impedire quella grande deviazione doveva scioccare la gente e la storia tanto quanto la deviazione. Questo mostra l’autosacrificio dell’Imam Hussein.

Il sacrificio dell’Imam Hussein

 L’Imam Hussein bin Ali (626-680), terzo Imam dello Sciismo e secondo figlio di Fatima bint Muhammad (605-633), figlia del Profeta Maometto (571-632), sacrificò la propria vita e quella della sua famiglia per difendere il messaggio genuino e reale della religione islamica, distorto dalla tirannia dei potenti.

La sua figura e il significato profondo del decimo giorno del sacro mese di Muharram (10 ottobre 680 d.C.), data in cui venne orrendamente trucidato insieme ai suoi cari e al suo seguito dalle truppe del califfo omayyade Yazid(645-683), durante la Battaglia di Karbalāʾ, nell’odierno Iraq, sono vivi e sentiti ancora oggi, moniti eterni contro l’ingiustizia e il sopruso. Il suo martirio, commemorato dagli sciiti nel giorno di Ashura, simbolizza la vittoria del sacrificio individuale sulla violenza dei potenti. L’eredità religiosa, etica e morale del gesto di Hussein, riverbera nelle coscienze di coloro i quali hanno riposto fiducia nei valori della libertà e della giustizia, durante tutto l’arco della storia, ben oltre i confini di Karbalāʾ.

Alcune cose sono più facili a dirsi che a farsi: tuttavia, ciò che l’Imam Hussein ha fatto è stato straordinario. Vale a dire, le dimensioni delle sue azioni sono molto più grandi di quelle che stimiamo. Di solito ignoriamo aspetti e dettagli importanti. La pazienza dell’Imam Hussein non si limitava a sopportare la sete o vedere i suoi compagni uccisi; queste cose erano relativamente facili da tollerare per lui. Il tipo di pazienza difficile da praticare è ascoltare persone influenti, consapevoli e rispettabili che creano dubbi e ti dicono che ciò che stai facendo è pericoloso e sbagliato. Chi ha fatto quelle cose all’Imam Hussein?

Persone come Abdullah Ja’far, Abdullah Zubair e Abdullah Abbas (non erano molto favorevoli). Queste figure di spicco, di quel tempo, continuavano a dire all’Imam Hussein di non continuare con quello che stava facendo. Se fosse stato qualcun altro, qualcuno che non avesse questa determinazione e un carattere stabile, avrebbe pensato: “Bene, ho fatto il mio dovere: queste persone parlano così e il mondo si comporta così, quindi dovrei dire quello che ho devo fare e non fare nient’altro”.

Una persona che decide di opporsi a tali osservazioni, tentazioni, dubbi e sforzi per piegare la sharia e non è dissuasi dal continuare il suo percorso, una tale persona, è quella che può dare origine a una grande trasformazione. A questo proposito il nostro magnifico Imam era simile al Signore dei Martiri.

Indicando l’anniversario di nascita dell’Imam Hussein come giorno delle Guardie rivoluzionarie, l’Irgc sta sottilmente suggerendo che percorrerà il cammino dell’Imam Hussein. Questo è di buon auspicio e veramente importante. Certi critici percettivi potrebbero dire che è stato commesso un errore specifico o che una persona si è comportata in modo sbagliato. È possibile criticare tutte le correnti, tutti i gruppi, tutti gli individui e tutte le persone fisiche e giuridiche.

Ma se consideriamo il movimento del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica in modo corretto, vedremo che l’Irgc ha mantenuto la sua promessa fin dal primo giorno. Il Corpo dei Pasdaran è stato veramente risoluto su questo percorso. I singoli membri cambiano, ma l’identità collettiva del Corpo è rimasta la stessa.

di Giovanni Sorbello

Fonte: Khamenei.ir

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi