Iran, Mko e il dissidente immaginario

Visualizzazioni : 13

The Intercept ha rivelato che l’editorialista anti-Iran vicino all’amministrazione statunitense, Heshmat Alavi, i cui articoli sono stati usati dalla Casa Bianca per sostenere la campagna anti-iraniana del presidente Donald Trump, è un personaggio immaginario generato dal noto gruppo terroristico Mojahedin-e Khalq Organization (Mko). Il notiziario americano fece la scoperta esplosiva dopo aver contattato Hassan Heyrani, un disertore di alto rango del gruppo terroristico.

Iran-Mko“Heshmat Alavi è una persona gestita da una squadra di persone dell’ala politica dell’Mko”, ha dichiarato Heyrani, sottolineando di avere una conoscenza diretta dell’operazione. “Scrivono tutto ciò che gli viene ordinato dai loro comandanti e usano questo nome per inserire articoli sulla stampa. Questo non è e non è mai stato una persona reale”.

Secondo Heyrani, una squadra di scrittori di propaganda dell’Mko ha gestito il personaggio falso dalla base del gruppo terrorista in Albania, uno dei tanti Paesi europei che ospitano membri dell’Mko. L’Intercept ha scritto che con la decisione di Trump di abbandonare l‘accordo nucleare iraniano nel maggio 2018, la Casa Bianca cercò di influenzare il Washington Post e altra stampa scettica fornendo uno dei contributi di Alavi a Forbes come una “fonte”.

“L’attuale bilancio dell’Iran è finanziato in gran parte attraverso” petrolio, tasse, aumento delle obbligazioni, eliminazione di sussidi o sussidi per gli iraniani”, secondo un articolo di Heshmat Alavi, inviato da un funzionario della Casa Bianca. Le opinioni di Heyrani su Alavi sono state confermate da Sara Zahiri, una ricercatrice in lingua Farsi che si concentra sull’Mko.

Zahiri, citando le sue fonti tra i funzionari di sicurezza informatica iraniana, ha dichiarato che Tehran considera Alavi come un “strumento” gestito da una squadra di membri dell’Mko e la persona non è altro che un frutto della loro immaginazione.

Questo personaggio immaginario, che si identifica come “un attivista iraniano con la passione per la parità di diritti”, ha anche fornito contributi simili a The Hill, The Daily Caller, Il Federalista, di proprietà al-Arabiya (regime saudita). È interessante notare che Alavi ha rifiutato di rispondere alle richieste di commenti di Intercept via Twitter o all’indirizzo Gmail che corrispondeva ai media.

Heyrani, che una volta coordinò le operazioni di propaganda online dell’Mko, disse a The Intercept che tre membri e un comandante dell’ala politica del gruppo stavano eseguendo l’inganno di Alavi. Ha fornito al sito web i nomi e i dettagli dei quattro individui.

MkoHanno preferito nascondersi dietro il nome falso perché “la dirigenza del Mko non guarderebbe con gentilezza agli inglesi fluenti che gestiscono la scrittura personale con i loro nomi”, secondo il rapporto. Reza Sadeghi, un disertore dell’Mko con sede in Canada, ha anche confermato l’account di Heyrani. “Siamo sempre stati attivi nel rendere false notizie da diffondere alla stampa straniera e in Iran”, ha dichiarato Sadeghi, che è rimasto membro fino al 2008. È stato coinvolto in attività di lobbismo negli Stati Uniti, così come nelle operazioni presso l’ex base dell’Mko a Campo Ashraf in Iraq.

“A Campo Ashraf c’erano computer installati per effettuare operazioni di informazione online. Nel corso degli anni, questa attività è diventata più intensa con l’introduzione di piattaforme di social media come Facebook e Twitter”, ha affermato. L’Intercept ha chiesto agli editori che avevano lavorato con Alavi negli ultimi anni di confermare la sua identità. Tuttavia, nessuno di loro è stato in grado di confermare di aver mai parlato o incontrato questa persona.

L’account Twitter di Alavi ha apparentemente attratto oltre 30mila follower sin dal suo inizio nel 2014 e condivide spesso articoli e hashtag che elogiano il capo terrorista dell’Mko, Maryam Rajavi. L’articolo di Alavi che la Casa Bianca ha utilizzato nel 2018 per giustificare l’uscita di Trump dall’accordo sul nucleare ha citato fonti iraniane “semi-ufficiali”.

L’articolo ha elogiato Trump per aver posto fine alle politiche di “pacificazione” nei confronti dell’Iran e aver calpestato l’Europa per essersi unita al “regime” iraniano contro la volontà del popolo iraniano.

Il gruppo terroristico Mko

L’Mko, elencato come gruppo terroristico in Iran, Iraq, Canada e Stati Uniti, ha rivendicato la responsabilità di numerosi attacchi mortali contro funzionari e civili del governo iraniano negli ultimi 30 anni. Gli attacchi includono l’assassinio del defunto presidente Mohammad-Ali Rajaei, il primo ministro Mohammad-Javad Bahonar e il capo della magistratura Ayatollah Mohammad Beheshti.

L’Mko è anche noto per aver collaborato con l’ex dittatore iracheno Saddam Hussein nel sopprimere le insurrezioni del 1991 nel sud dell’Iraq e il massacro dei curdi iracheni. L’organizzazione è anche nota per l’utilizzo di tattiche di tipo “cult” contro i propri membri, tattiche che includono torture e omicidi di disertori.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi