/ Attualità / Iran in prima linea contro il traffico di esseri umani

Iran in prima linea contro il traffico di esseri umani

100otzyvovru on 6 ottobre 2017 - 11:28 in Attualità, Primo Piano

“Teheran è decisa a prendere tutte le misure necessarie per far fronte all’orribile crimine del traffico di esseri umani”, è quanto ha dichiarato lo sheikh iraniano Al-Habib lo scorso giovedì, nel corso dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York.

L’Iran ha presentato una relazione in occasione del vertice della Nazioni Unite per la valutazione del piano globale di azione, invitando la comunità internazionale ad agire congiuntamente e con maggiori sforzi per combattere il traffico di migranti.

Nel testo si legge che la Repubblica Islamica si impegna a prevenire e combattere qualsiasi forma di crimine connesso al traffico di uomini e ribadisce con forza l’intenzione di intervenire con tutte le misure necessarie per contrastare questo crimine inumano.

Durante il suo intervento Al-Habib ha anche sottolineato che il Parlamento iraniano ha di recente modificato una legge del 2004, atta appunto a contrastare tale fenomeno, per riempirne le lacune e rafforzare il regime giuridico interno.

“Nella lotta giuridica contro il traffico di esseri umani, è essenziale affrontare tutte le cause interconnesse che rendono le persone vulnerabili alla tratta”, ha dichiarato Al-Habib riferendosi ai milioni di uomini, donne, ragazzi caduti nella trappola del sogno migratorio a causa della povertà e della disoccupazione che attanaglia i loro Paesi. Vulnerabilità aggravata da ingerenze militari e conflitti armati.

L’interventismo e le politiche istituzionali, soprattutto in Africa e in Medio Oriente, hanno spianato la strada ai trafficanti, alimentando il proliferare di reti criminali che hanno dato il via ad un vero e proprio mercato di esseri umani di proporzioni impressionanti e che frutta somme di denaro di portata inimmaginabile.

Come per le bestie da allevamento, la tratta di esseri umani segue il principio economico della domanda e dell’offerta. Una vergognosa mercificazione che non troverà mai fine, sino a quando esisteranno richieste di uomini e donne per il lavoro forzato, lo sfruttamento della prostituzione ed il traffico di organi.

Al-Habib ha infine puntato il dito contro quei governi la cui rovinosa politica estera ha lasciato interi popoli in balia di tratta e sfruttamento, asserendo che questi dovrebbero essere privati della propria autorità e banditi da ogni qualsivoglia rapporto diplomatico.

di Mafalda Insigne

 

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi