/ Medio Oriente / I trionfi di Hezbollah fanno tremare Israele

I trionfi di Hezbollah fanno tremare Israele

Redazione on 6 dicembre 2017 - 02:36 in Medio Oriente, Primo Piano

Mesi fa, l’amministrazione americana ha annunciato lo stanziamento di 12 milioni di dollari per la cattura di due alti comandanti di Hezbollah, Talal Hammiyeh e Fouad Shukr.

Questa nuova misura contro il Partito di Dio, succede al disegno di sanzioni presentato a fine settembre da Ed Royce, repubblicano della California, approvato dal Congresso degli Stati Uniti e mira alle attività finanziarie e ai collegamenti del movimento libanese.

L’azione è stata ben accolta dal regime israeliano e da quello saudita, che hanno incoraggiato ancor di più gli Usa ad attuare maggiori misure contro Hezbollah. Thamer al-Sabhan, ministro di Stato del regime saudita per gli Affari arabi, ha anche elogiato le nuove restrizioni contro la Resistenza libanese ed ha sottolineato la necessità di istituire una coalizione internazionale per affrontare il gruppo.

Infatti, un coordinamento speciale si sta sviluppando tra Riyad e Tel Aviv per avviare un confronto su vasta scala contro Hezbollah e l’Asse della Resistenza. Ma cosa sta guidando queste mosse? E quali sono le conseguenze delle azioni degli Stati Uniti nella regione?

I trionfi regionali di Hezbollah

Nel 2006, la Resistenza libanese ha guadagnato molta popolarità dopo aver sconfitto il regime israeliano ottenendo un trionfo senza precedenti nei conflitti arabo-israeliani dopo l’occupazione della Palestina. Ora è una grande e influente forza nella lotta contro i gruppi terroristici takfiri, tra cui Isis, che hanno provato, fallendo, ad attuare un progetto occidentale-arabo-israeliano per dividere la Siria. La forza militare di Hezbollah ha reso il gruppo libanese un attore regionale particolarmente efficace. Ciò spinge gli Stati Uniti, l’Arabia Saudita e il regime israeliano, a vedere Hezbollah come una forte minaccia ai loro interessi.

La popolarità di Hezbollah in Libano

Lo sconforto politico causato da una profonda divisione tra le fazioni politiche libanesi che ha causato un vuoto presidenziale di oltre due anni è stato finalmente risolto dal ruolo di Hezbollah e dall’Assemblea dell’8 marzo, un blocco parlamentare alleato ad esso. La soluzione al limbo politico testimonia l’influenza del Partito di Dio tra il popolo libanese. L’accordo della presidenza, infatti, ha segnato l’aumento del potere politico del gruppo a fianco del suo potere militare. La nuova misura americana nei confronti dei leader militari di Hezbollah ha l’obiettivo di tagliare le sue potenzialità di manovra sulla scena nazionale e, se possibile, colpire i principi della sua legittimità nella nazione.

Hezbollah sfida gli interessi israeliani

Il potere di Hezbollah, così come la sua popolarità, non si rivolge solo a Tel Aviv e i suoi alleati occidentali e regionali, poiché il gruppo di Resistenza libanese ha presentato un nuovo modello di lotta anti-israeliana, spogliando il regime occupante della sua superiorità regionale. Hezbollah sottolinea la necessità di mantenere viva tra i musulmani la causa palestinese e gli ideali per la libertà dei territori palestinesi. Questa è la peggiore minaccia che ha Tel Aviv a causa della politica regionale di Hezbollah. Le pressioni americane difficilmente non avranno ripercussioni, perchè attireranno ulteriori sentimenti antiamericani e anti-israeliani nella società libanese, grazie alla forte base sociale di Hezbollah e della sua influenza politica a livello locale.

Il Partito di Dio, che combatte i gruppi takfiri in Siria per aiutare a ripristinare la stabilità della regione e del suo Paese, si contrappone agli Usa, all’Arabia Saudita e al regime israeliano che sostengono le organizzazioni terroristiche che combattono il governo siriano. Un tale coinvolgimento contro il terrorismo vince l’approvazione non solo del popolo libanese, ma anche delle varie fazioni politiche.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi