Hezbollah, dove il bene si fa in silenzio

Visualizzazioni : 19

Il quarto Imam sciita, il padre dei poveri, l’Imam Ali Zainul Abedin portava cibo, vestiti e soldi sulle spalle per distribuirli ai poveri e ai bisognosi di notte in modo che nessuno sapesse chi li stava aiutando. Solo dopo la sua morte queste persone conobbero l’identità del loro misterioso benefattore. Seguendo le sue orme, il movimento di Resistenza libanese di Hezbollah ha creato un progetto sociale dedicato allo stesso obiettivo per cui ha lavorato durante la sua vita. Il progetto Imam Zainul Abedin Table Spread è stato fondato nel 1998 nel sobborgo meridionale di Dahiye, nel sud della capitale libanese di Beirut, come parte di un’iniziativa individuale.

HezbollahParlando con l’agenzia stampa libanese al-Ahed News, il capo delle attività sociali di Hezbollah nella regione di Beirut, Hajj Ali Sherri, ha osservato che “era basato sul nostro dovere etico e religioso di prenderci cura delle persone povere e bisognose. Durante il mese sacro del Ramadan, il mese della misericordia e della benedizione, alcuni fratelli e sorelle hanno notato che alcuni degli anziani e altre famiglie, durante il periodo della rottura del digiuno (Iftar), stavano cercando cibo. Da quel giorno, hanno formato un piccolo gruppo di persone che si prende cura di fornire pasti per la colazione per quelle famiglie”.

Il progetto iniziò a crescere gradualmente fino al 2001. Dopo quell’anno, il progetto iniziò ad espandersi a Beirut e in alcune zone del Monte Libano aggiungendo diverse sezioni, con una struttura amministrativa e tutti i documenti necessari. Dal 2001, nuove sezioni sono state aggiunte ogni due o tre anni. All’inizio, il nostro obiettivo principale era fornire pasti durante tutto il mese del Ramadan alle famiglie povere. Quindi, dopo aver fornito tutti i pasti e le scorte di cibo, il progetto si è espanso per includere la Cucina del Ramadan, il sostegno a un vicino e gli abiti. Questo è stato raggiunto in diverse fasi, spiega Hajj Ali Sherri.

“Quest’anno abbiamo inventato il progetto Food Baskets, distribuendo cesti in tutti i supermercati. L’iniziativa, che ha avuto molto successo, consiste nell’invitare le persone che fanno i loro acquisti per il mese di Ramadan, a donare alcuni oggetti per i bisognosi”.

HezbollahUn’altra nuova sezione è la pensione. Si tratta di luoghi simili a ristoranti stabiliti in diverse aree per ospitare in modo rispettoso e dignitoso i poveri e gli orfani per consumare i loro pasti per la colazione. Iniziando con circa 120 famiglie a Beirut, quest’anno il progetto ha riguardato nella stessa area 6mila famiglie registrate ufficialmente nei registri dell’organizzazione. Queste famiglie comprendono circa 23mila membri che includono per lo più orfani e le loro madri, con alcune persone disabili che non possono provvedere a mantenere le loro famiglie.

“Oltre alla diffusione dei cesti, che copre in modo fisso quelle famiglie, quando riceviamo più donazioni li consegniamo ad altre migliaia di famiglie non registrate. Ciò significa che quando riceviamo somme di denaro che superano le nostre esigenze, aiutiamo più delle 6mila famiglie bisognose registrate”.

“Gli interi organi amministrativi ed esecutivi sono composti da volontari. Ce ne sono migliaia. Alcuni raccolgono le donazioni, altri confezionano i cesti, alcuni cucinano e altri consegnano il cibo. La consegna del cibo è di grande importanza. Questo perché accade segretamente, in modo rispettoso e gentile. Lo facciamo seguendo le orme dell’imam Ali Zainul Abedin e proprio per questo abbiamo deciso di chiamare il nostro progetto con il suo nome”. Il quarto infallibile Imam sciita era solito aiutare i bisognosi segretamente, specialmente di notte, per non metterli in imbarazzo o ferire la loro dignità in quanto non dovevano ringraziare colui che li aiutava, purché non conoscessero la suo identità.

Tornando ai volontari, Hajj Ali Sherri ha sottolineato che il progetto ha bisogno di un numero enorme di membri. “Proprio come riceviamo chiamate da persone che vogliono donare, riceviamo sempre più richieste da persone che vogliono fare volontariato”, ha aggiunto il funzionario.

Parlando di numeri

“Nel 2018, abbiamo ricevuto circa 1.350mila dollari di donazioni monetarie e materiali. Quest’anno, la cifra ha toccato 1.850mila dollari. Si tratta di un indice molto positivo che osserva la difficile situazione economica del Paese e la guerra all’Islam che si concentra maggiormente sugli aspetti economici e sociali. Questo indica la durabilità e la fedeltà della nostra società; anche se la guerra si intensifica, il nostro popolo sta diventando sempre più sensibile e devoto alla causa. Questo è stato anche evidente nelle guerre israeliane del 1993, 1996, 2006 e tutti gli attentati terroristici. Proprio nelle emergenze e nelle difficoltà scopriamo quanto il nostro popolo sia fedele e devoto. Nonostante il difficile momento dell’economia, la cifra è aumentata di 0,5 milioni di dollari in un anno, per non parlare di altri piccoli contributi individuali che non abbiamo potuto includere nel conteggio”.

Hezbollah
Confronto tra i risultati del progetto nel 2018 e 2019

“Ora, siamo di fronte a un’altra responsabilità, che è quella di prendersi cura di quelle famiglie tutto l’anno dopo il mese del Ramadan, così come ci sono donazioni per soddisfare i loro bisogni”, ha dichiarato Hajj Ali Sherri, invitando tutte le persone facoltose ad aiutare i bisognosi durante tutto l’anno.

Hezbollah finanzia il progetto

“È stato molto soddisfacente apprendere che il segretario generale di Hezbollah, Sua Eminenza, Sayyed Hassan Nasrallah, benedice il nostro progetto dato che ogni anno avvia le donazioni con un importo essenziale che paga per noi, così possiamo iniziare il nostro lavoro con forza prima di ricevere altre donazioni. Le persone sono testimoni della differenza che stiamo facendo sul campo, oltre al fatto che Hezbollah sta dedicando i suoi mezzi, i suoi centri e invita tutte le località a servire questo progetto. Quindi, è chiaro che il denaro viene speso nel modo giusto, per coloro che ne hanno bisogno, ed Hezbollah è il loro principale sostenitore, ha aggiunto Hajj Ali Sherri.

Altri progetti

Sebbene il progetto sia attivo in tutte le regioni libanesi, i numeri forniti sono solo una parte di esso. Rappresentano solo i risultati ottenuti nell’area di Beirut. “Oltre al programma fisso per il mese di Ramadan, ci prendiamo cura delle famiglie dei martiri e degli orfani durante tutto l’anno. Forniamo anche alle famiglie povere la copertura sanitaria, un altro compito principale di cui siamo responsabili. Combattiamo la tossicodipendenza, trattiamo i tossicodipendenti e sensibilizziamo gli altri. Inoltre, rinnoviamo e riorganizziamo le case dei poveri affinché diventino abitabili per loro. Questo succede segretamente; non scattiamo foto nelle case per salvare la dignità della loro gente e non esporre le loro situazioni ai media.

Hezbollah si è assunto l’impegno di mantenere l’assistenza sociale, sanitaria e medica per coloro che non potevano permetterselo da soli, grazie agli sforzi di tutti i donatori e volontari. Tutte queste attività amplificano l’idea di solidarietà sociale in cui i ricchi aiutano i poveri. Questo è Hezbollah!

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi