/ Africa / Libia: Haftar scacciato dai porti del petrolio

Libia: Haftar scacciato dai porti del petrolio

Salvo Ardizzone on 8 marzo 2017 - 05:58 in Africa, Primo Piano

In Libia il generale Haftar è stato scacciato dai terminal della “Mezzaluna petrolifera”: le sedicenti “Brigate per la Difesa di Bengasi” (un gruppo di milizie dove si mescolano islamisti, elementi appoggiati dalle Brigate di Misurata e molte ex Petroleum Guards che tenevano quell’area) vicine alla Fratellanza Musulmana, dopo scontri sanguinosi hanno preso il controllo dei 4 porti petroliferi di Nofaliya, Bin Jawad, Ras Lanuf e al-Sidra, scacciando le forze di Haftar.

Libia Haftar scacciato dai porti del petrolio

Il Generale, che non è ancora riuscito a debellare la resistenza dei qaedisti di Ansar al-Sharia nell’area di Bengasi e del Consiglio della Shura dei Mujahidin a Derna, si trova ora in crisi, perché gli è stato tolto il più importante strumento di potere in Libia, ovvero il controllo dell’esportazione di greggio e gas attraverso i terminal di cui s’era impadronito a settembre.

Haftar sta tentando disperatamente di reagire, ma le milizie a lui fedeli, malgrado infarcite di mercenari provenienti dal Chad e dal Sudan, stanno segnando il passo. I pochi di aerei che controlla (3 Mig-23 forniti dalla Russia, 1 Mig-21 e 3 elicotteri pomposamente definiti Aviazione Libica) hanno effettuato 17 sortite in due giorni per appoggiare la riconquista dei porti, ma è un fuoco di paglia perché quei velivoli, già vecchi, privi di pezzi di ricambio e manutenzione, non potranno mantenere un simile ritmo.

Il nocciolo della questione sta nel fatto che l’Aviazione degli Emirati Arabi (presente nell’aeroporto libico di al-Khadim con 6 velivoli d’attacco leggero pilotati da mercenari) e soprattutto quella egiziana, si sono guardate bene dall’intervenire malgrado l’importanza dei terminal caduti in mano a milizie ostili sia al Cairo che ad Abu Dhabi. Come pure sembra che il flusso ininterrotto di aiuti che ha permesso i successi di Haftar sia scemato.

Questa improvvisa inerzia, che ha lasciato solo il Generale dinanzi ai suoi avversari, in realtà è un pesante avvertimento lanciato dai suoi sponsor perché non si monti la testa; una conseguenza diretta del rifiuto di Haftar di partecipare all’incontro organizzato da al-Sisi (con la benedizione della Russia) al Cairo con al-Serraj, il capo del Governo riconosciuto dall’Onu, nel febbraio scorso.

Allora Haftar puntò i piedi, rifiutando ogni accomodamento con Serraj e mandando all’aria i piani di Egitto, Russia e degli altri attori internazionali di trovare un interessato accomodamento alla crisi libica, che fin quando dura impedisce a tutti lo sfruttamento delle risorse del Paese.

È più che probabile, visto l’uomo, che il Generale si sia montata la testa, pensando davvero d’avere in pugno la situazione, ed abbia voluto forzare la mano ai suoi protettori puntando a divenire l’unico padrone della Libia. La sospensione degli aiuti serve a riportarlo ruvidamente alla realtà: Haftar è solo una delle tante marionette del grande gioco per impadronirsi delle risorse libiche, iniziato con la sciagurata avventura franco-inglese del 2011 e che dopo 6 anni continua a martoriare un Paese ormai totalmente distrutto; gli sponsor del Generale hanno voluto avvertirlo che è tutt’altro che indispensabile e che senza di loro non va da nessuna parte.

Il recente viaggio di al-Serraj a Mosca, ormai divenuta crocevia degli equilibri di Mediterraneo e Medio Oriente, sta a dimostrare che i giochi passano assai più in alto della testa di Haftar e, con tutta probabilità, se non s’affretterà ad allinearsi, è già pronto un piano B per sostituirlo. Niente di nuovo: le ricchezze libiche fanno troppo gola perché rimangano a lungo sotto la sabbia; dei libici, come ampiamente dimostrato, a nessuno importa.

di Salvo Ardizzone

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi