/ Europa / Grecia approva accordi Usa per revisione F-16

Grecia approva accordi Usa per revisione F-16

Redazione on 9 maggio 2018 - 02:42 in Europa, Primo Piano

La Grecia ha approvato un accordo con gli Stati Uniti per aggiornare dozzine dei suoi caccia F-16 ad un costo di circa 1,2 miliardi di euro, una misura che il governo greco si è affrettato a sottolineare che non avrebbe danneggiato i suoi futuri progressi fiscali. Il potenziale accordo per la revisione degli aeromobili è arrivato lo scorso ottobre durante una visita del primo ministro greco Alexis Tsipras alla Casa Bianca.

greciaIl principale organo decisionale della Grecia in materia di Affari esteri e di difesa, Kysea, che Tsipras dirige, ha suggellato all’unanimità l’accordo per l’aggiornamento dei caccia F-16. Tre degli 85 jet stanziati per la modernizzazione saranno potenziati negli Stati Uniti, mentre il resto verrà rinnovato in Grecia, ha riferito una fonte del ministero della Difesa greco, aggiungendo che il costo sarebbe di circa 1,2 miliardi di euro. Il governo ha dichiarato che la revisione sarà pagata in rate annuali di circa 110 milioni di euro in un decennio.

Atene ha riferito che Washington ha accettato una proposta greca riveduta che prende in considerazione gli obblighi fiscali del Paese nei prossimi anni. Non ha fornito dettagli sulla proposta rivista. La Grecia, che uscirà dal suo terzo piano di salvataggio internazionale ad agosto ma dovrà comunque raggiungere le eccedenze di bilancio primarie a medio termine, ha affermato che l’accordo non dovrebbe preoccupare i suoi finanziatori dell’Ue.

Spese militari ridotte

La spesa per la difesa è stata ridotta durante la crisi del debito settennale in Grecia, che ha ridotto le dimensioni della sua economia di oltre un quarto e ha portato il suo tasso di disoccupazione a quasi il 28%. Tuttavia, il Paese spende ancora circa il due per cento del suo prodotto interno lordo – circa 3,5 miliardi di euro – per la difesa, più della media europea. Ciò è in gran parte dovuto alle tensioni di vecchia data con la vicina e collega Turchia, membri della Nato, che sono aumentate negli ultimi mesi.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi