/ Cronaca / Fame nel mondo aumenta per il terzo anno consecutivo

Fame nel mondo aumenta per il terzo anno consecutivo

Redazione on 14 settembre 2018 - 05:19 in Cronaca, Primo Piano

La fame nel mondo è aumentata nel 2017 per il terzo anno consecutivo, alimentata da conflitti e cambiamenti climatici, mettendo a rischio l’obiettivo globale delle Nazioni Unite (Onu), di porre fine alla piaga entro il 2030. La fame sembra aumentare in quasi tutta l’Africa e nel Sud America, con 821milioni di persone, una su nove, secondo il rapporto sullo stato di sicurezza alimentare e nutrizione nel mondo del 2018.

fame-nel-mondoSono circa 672milioni gli adulti, più di uno su otto, che soffrono di obesità, rispetto ai 600milioni del 2014. Senza sforzi maggiori, c’è il rischio di non riuscire a raggiungere l’obiettivo dell’eradicazione della fame entro il 2030, si legge nel rapporto, riferendosi agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, adottati dai Paesi membri nel 2015. È stato il terzo anno consecutivo che i livelli di fame globali sono aumentati, dopo un decennio di declino.

L’editore del rapporto, Cindy Holleman, ha affermato che l’aumento delle variazioni di temperatura, le piogge intense e irregolari e il cambio delle stagioni influenzano la disponibilità e la qualità del cibo. “Ecco perché dobbiamo agire ora”, ha dichiarato Holleman, economista senior per la sicurezza alimentare e l’alimentazione presso l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao).

“Siamo preoccupati che la situazione possa peggiorare”, ha dichiarare alla Thomson Reuters Foundation. Lo scorso anno, quasi 124milioni di persone in 51 Paesi hanno affrontato livelli di crisi di fame, colpiti da conflitti e disastri climatici, stando a quanto dichiarato dalle Nazioni Unite. Molte Nazioni alle prese con conflitti prolungati, tra cui Yemen, Somalia, Sud Sudan e Afghanistan, hanno anche sofferto di uno o più shock climatici, come la siccità e le inondazioni.

Lunedì scorso, l’organizzazione benefica Save the Children ha avvertito che 600mila bambini nelle zone di guerra potrebbero morire di fame entro la fine di quest’anno, a causa di carenze di finanziamento.

Secondo le Nazioni Unite, il deterioramento della fame nel Sud America potrebbe essere dovuto ai bassi prezzi dei principali prodotti di esportazione della regione, in particolare il petrolio greggio. A giugno, secondo le Nazioni Unite, la mancanza di cibo ha obbligato circa 2,3 milioni di persone a fuggire dal Venezuela. L’accesso incerto o insufficiente al cibo contribuisce anche all’obesità, perché chi possiede risorse finanziarie limitate può optare per alimenti più economici, densi di energia, ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero.

Essere privati ​​del cibo potrebbe anche portare a cambiamenti psicologici e metabolici. Le emozioni e le ansie associate alla privazione del cibo potrebbero portare a disturbi e abbuffate quando si mangia. Sperimentare questo nelle fasi fetali e della prima infanzia aumenta il rischio di obesità più avanti nella vita.

Paul Winters, vicepresidente associato del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo, ha affermato che ridurre la fame richiede approcci mirati alla radice della povertà cronica. “Ciò richiede di avere dati su dove si trovano equali sono i loro limiti in modo da assicurarci di effettuare investimenti che siano validi”.

di Sebastiano Lo Monaco

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi