Egitto, Amnesty International condanna la nuova legge anti-terrorismo

Visualizzazioni : 22

di Redazione

In seguito all’assassinio del pubblico ministero Hisham Barakat e una serie di attacchi rivolti alle forze di sicurezza egiziane nel mese di giugno, é stata introdotta dal Consiglio di Stato una nuova legge anti-terrorismo, definita da Amnesty International come un “colpo al cuore delle libertà fondamentali”.

Boumedouha, il direttore del gruppo per i diritti del Medio Oriente e Nord Africa, dichiara che: “La legge anti-terrorismo proposta amplia notevolmente i poteri delle autorità egiziane e minaccia i diritti fondamentali alla libertà di espressione, di riunione e di associazione pacifica”.

Secondo i media egiziani, la legge anti-terrorismo darebbe maggior potere ai pubblici ministeri di detenere i sospetti per lunghi periodi e consentirebbe alle autorità di controllare i conti bancari di persone accusate di terrorismo.

Anche il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha più volte espresso preoccupazione per l’uccisione di manifestanti anti-governativi, e per i metodi brutali utilizzati dalle forze di sicurezza egiziane, soprattutto nei confronti dei sostenitori dell’ex presidente Mohamed Morsi, eletto democraticamente in Egitto e rovesciato nel luglio 2013 tramite un colpo di Stato militare guidato da al-Sisi, l’allora comandante dell’esercito, accusato di aver represso e massacrato centinaia di sostenitori del movimento dei Fratelli Musulmani.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi