/ Medio Oriente / Donne torturate nelle prigioni degli Emirati Arabi

Donne torturate nelle prigioni degli Emirati Arabi

Redazione on 4 dicembre 2018 - 08:40 in Medio Oriente, Primo Piano

Un nuovo rapporto ha rivelato torture e violenti maltrattamenti praticati contro le donne nelle prigioni degli Emirati Arabi Uniti. Il New Khalij – un sito di notizie in lingua araba che si occupa della situazione dei diritti umani nei Paesi arabi del litorale del Golfo Persico – in un rapporto audio pubblicato venerdì ha studiato diversi casi di sofferenze da parte di detenute nelle prigioni degli Emirati Arabi.

Emirati-arabiIl nuovo rapporto ha fornito testimonianze delle vittime stesse, che hanno invitato le Nazioni Unite e le organizzazioni per i diritti umani a indagare sulla situazione. Nello specifico è stata menzionata la prigione di al-Wathba ad Abu Dhabi come luogo da investigare.

Una donna, che si è presentata come Maryam, ha dichiarato di essere stata detenuta nel 2015 e tenuta in “detenzione segreta” per cinque mesi consecutivi, oltre ad aver subito insulti e torture. Nel rapporto, le donne descrivono la situazione nelle loro celle come “disumane”, lamentandosi di “sovraffollamento, cibo sgradevole e assenza di servizi medici”. Alcune hanno contratto malattie potenzialmente letali come il cancro. Maryam ha incolpato il principe ereditario degli Emirati, Mohammed bin Zayed Al-Nahyan, per aver emesso il decreto che consente la tortura dei detenuti.

Non è la prima volta che la sovranità degli Emirati è stata associata alla tortura. Già nello scorso maggio un rapporto dell’Organizzazione per i diritti umani del Regno Unito, la Aohr, aveva dichiarato di avere ricevuto denunce da parte di donne prigioniere politiche negli Emirati per aver subito abusi e torture.

Trattamento usato anche dai membri della famiglia reale, come rivela l’accusa del tribunale penale di Bruxelles a otto principesse degli Emirati – una madre e le sue sette figlie – per il traffico di esseri umani e il trattamento degradante dei loro servitori. Sheikh Hamda al-Nahyan e le sue figlie sono state accusate di aver abusato di oltre 20 dipendenti di sesso femminile, che avevano portato con sé nel lussuoso hotel Conrad nella capitale belga per diversi mesi nel 2007 e nel 2008. Le principesse sono state processate in contumacia insieme a un maggiordomo indiano. Una delle famiglie più ricche del mondo legata al traffico e alla schiavitù mostra come la schiavitù domestica continua negli Stati del Golfo, nonostante sia stata abolita per legge.

Nel febbraio 2016, un rapporto del Guardian ha rivelato che due americani e un canadese, tutti in possesso di doppia cittadinanza libica, e altri due cittadini libici hanno subito gravi torture mentre erano detenuti negli Emirati Arabi Uniti. Secondo gli esperti delle Nazioni Unite, all’epoca gli uomini erano stati processati e condannati per “terrorismo” sulla base di una legge emanata dopo il loro arresto con confessioni sotto tortura firmate durante la detenzione.

Secondo l’organizzazione Aohr “la diffusione dell’epidemia di tortura negli Emirati Arabi Uniti è il risultato naturale del collasso del sistema giudiziario e della sua incapacità di ottenere un qualsiasi rimedio legale per le vittime della tortura e della sparizione forzata”.

di Cristina Amoroso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi