Diritti umani negli Usa tra doppi standard e ipocrisia

diritti-umani
Visualizzazioni : 70

Il 12 settembre, la 42a sessione del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha tenuto un seminario per discutere le misure unilaterali coercitive relative ai diritti umani. Molti Paesi partecipanti e Ong hanno condannato le sanzioni unilaterali coercitive degli Stati Uniti e le hanno considerati una violazione della Carta delle Nazioni Unite e danneggiano l’uguaglianza e la giustizia internazionali. Queste sanzioni illegali sono diventate una sorta di punizione collettiva nei confronti dei cittadini di Paesi sanzionati come l’Iran.

Global Magnitsky Human Rights Accountability Act

Non c’è dubbio che questa discussione sia molto importante. Ma ad eccezione delle misure unilaterali coercitive, dovremmo anche prestare attenzione al nuovo sviluppo nel campo della sanzione dei diritti umani. Questo si riferisce al Global Magnitsky Human Rights Accountability Act, entrato in vigore nel dicembre 2016 negli Stati Uniti. Ha iniziato a sanzionare direttamente le persone su diverse questioni.

Ciò dimostra che la sanzione dei diritti umani negli Stati Uniti è cambiata notevolmente in termini di obiettivi e metodi. Ha avuto un grande impatto sulla società internazionale e ha facilitato la nascita della sua “versione europea” e della “versione canadese”, formando così un sistema sanzionatorio multilaterale di partecipazione nel mondo. Questa nuova legge consente agli Stati Uniti di eludere le conseguenze morali che sono state incolpate in precedenza, come la “punizione collettiva” nei confronti dei cittadini dei Paesi sanzionati.

Stati Uniti e diritti umani

Questo tipo di nuovo sviluppo non dovrebbe tuttavia sorprendere il mondo. Gli Stati Uniti agiscono sempre a modo loro nel trattare le questioni relative ai diritti. Quando nel 2006 è stato istituito il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, l’amministrazione Bush ha rifiutato di aderire come Stato membro. Solo fino al 2009 gli Stati Uniti si sono uniti al consiglio, ma l’amministrazione Trump ha dichiarato di uscire dal Consiglio dei diritti umani nel 2018, a causa del cosiddetto pregiudizio del consiglio contro Israele e della mancata protezione dei diritti umani. 

In una certa misura, questa azione ha segnato l’uscita degli Stati Uniti dall’attuale quadro globale di governance dei diritti. Gli Stati Uniti si considerano sempre i difensori dei diritti e si sentono ai vertici della moralità internazionale, assumendosi la responsabilità di sorvegliare e criticare la situazione dei diritti di altri Paesi.

Rapporto Usa sui diritti umani

Gli Stati Uniti pubblicano ogni anno un rapporto sui diritti umani che valuta la situazione in altri Paesi. Una caratteristica importante della politica e della pratica americana in materia di diritti è il suo doppio standard. Gli Stati Uniti ritengono di possedere i più alti standard sui diritti e le migliori pratiche di protezione dei diritti umani, quindi dovrebbero essere l’esempio per altri Paesi. Ma in effetti l’America ha seri problemi in tema di diritti. 

Ci sono molti problemi attinenti i diritti negli Stati Uniti, come le violazioni dei diritti civili, la disparità di reddito e la discriminazione razziale e di genere, ma gli Stati Uniti ignorano tutto ciò, concentrandosi sui problemi dei diritti umani di altri Paesi. Inoltre, gli Stati Uniti usano spesso doppi standard per trattare altri Paesi in modo diverso sulla base di considerazioni strategiche. L’importanza strategica di un Paese influenza spesso la politica americana in materia di diritti nei confronti del Paese. Ciò significa che gli Stati Uniti trattano gli alleati tradizionali e altri Paesi in modo diverso. Un esempio potrebbe essere l’Arabia Saudita che commette crimini di guerra nello Yemen usando armi americane per uccidere civili innocenti.

In effetti, il motivo per cui gli Stati Uniti hanno rifiutato di unirsi al Consiglio per i diritti umani nel 2006 è anche “l’ostilità del Consiglio nei confronti di Israele”, di per sé uno dei maggiori violatori dei diritti nel mondo. Ma per quei Paesi che gli Stati Uniti considerano potenziali concorrenti, gli Stati Uniti di solito usano la lente d’ingrandimento per trovare i loro problemi di diritti e derogare alla loro immagine internazionale per contenere la loro ascesa. L’Iran ne è un esempio. È importante che gli Stati Uniti affrontino innanzitutto le proprie questioni relative ai diritti umani.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi