/ Attualità / Diritti umani nelle carceri italiane

Diritti umani nelle carceri italiane

Redazione on 13 settembre 2018 - 03:12 in Attualità, Primo Piano

Se fino ad ora non si era ancora parlato abbastanza del sistema carcerario italiano e della condizione dei detenuti, adesso non si può più fingere che il problema non esista. Lo Stato Italiano ha un sistema penitenziario fra i peggiori d’Europa, colpevole di trattare i detenuti in maniera disumana e degradante, soprattutto a causa del sovraffollamento delle carceri. Quindi, una evidente violazione dei diritti umani.

diritti-umaniIl problema più sentito è, infatti, quello del sovraffollamento: si calcola che le carceri italiane abbiano una capienza complessiva di 45.588 unità, ma secondo un rapporto dell’associazione Antigone gli ospiti effettivi sono 66.009. Ciò significa che ogni detenuto mediamente è costretto a condividere il misero spazio di una cella ideata per un massimo di quattro persone, con un numero di otto compagni di sventura.

Muoversi diventa un’impresa quotidiana difficile, e immaginiamo lo sia perfino respirare, pensare e redimersi in condizioni così disumane, specie se ci si ritrova lì dentro senza neanche una colpa, infatti, una buona percentuale di essi è costretta a reclusione senza una sentenza di condanna, ma solo perché in attesa di processo.

Tante le associazioni impegnate sul fronte dei diritti umani come Antigone, che da tempo denuncia la situazione carceraria italiana e che ha ben chiare le possibili soluzioni. “Tre leggi per la giustizia e i diritti” è la campagna sostenuta da diverse associazioni, nonché dall’attore romano Ascanio Celestini, testimonial della raccolta firme per l’introduzione del reato di tortura nell’ordinamento italiano, per l’adozione del sistema a numero chiuso negli istituti penitenziari contro il sovraffollamento e la modifica della legge sulle droghe causa, anch’essa, di troppe carcerazioni inutili.

di Anna Lisa Maugeri

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi