/ Africa / La diga in Etiopia “Orgoglio d’Italia” dall’impatto devastante

La diga in Etiopia “Orgoglio d’Italia” dall’impatto devastante

Redazione on 27 luglio 2018 - 08:44 in Africa, Primo Piano

E’ devastante l’impatto sulle tribù semi-nomadi africane. In duecentomila hanno dovuto lasciare la valle dell’Omo in Etiopia, risucchiati dalle Ong, dopo che il loro habitat e le loro millenarie abitazioni, colture, i loro costumi, sono stati spazzati via dalla diga che il governo etiopico ha fatto costruire da Impregilo, “Orgoglio d’Italia” (Renzi), e dai milioni di ettari concessi al land grabbing saudita, italiano, cinese.

Etiopia-Gibe3Situata nella parte meridionale dell’Etiopia, la Lower Omo Valley è uno dei luoghi più remoti e culturalmente diversi dell’Africa orientale e tra le aree ecologiche più uniche al mondo. Ritenuto un crocevia da migliaia di anni per le persone che attraversano la regione, ha prodotto alcuni dei più antichi frammenti fossili umani conosciuti, oltre a strumenti risalenti a oltre due milioni di anni fa. Nel 1980 la valle divenne un sito patrimonio dell’umanità per l’istruzione e la cultura dell’Unesco, in riconoscimento del suo speciale significato culturale e fisico per il mondo in generale. La Lower Omo Valley ospitava circa 200mila persone provenienti da otto gruppi distinti – i Mursi, Bodi, Kwegu (Muguji), Karo, Hamer, Suri, Nyangatom e Daasanach – che si affidavano al fiume Omo lungo 760 chilometri per coltivazioni e colture ricostituzione dei pascoli durante le inondazioni annuali ogni luglio-settembre.

Questo delicato ecosistema e il suo stile di vita sono stati minacciati dalla costruzione di una massiccia diga idroelettrica, nota come Gibe III, sul fiume Omo e piani associati per l’agricoltura irrigua su larga scala. Parte dell’ambizioso piano per lo sviluppo economico del governo etiopico, Gibe III è in costruzione dal 2006. La diga più alta in Africa, Gibe III fa parte di una serie di dighe che genererebbero la tanto necessaria energia per gli 80 milioni di persone dell’Etiopia e per l’esportazione verso i Paesi vicini, ma con un impatto devastante sia sull’ambiente che sulle tradizioni socio-culturali della popolazione locale.

Di conseguenza ha suscitato critiche da parte di gruppi ambientalisti e indigeni. Attorno alla diga sono nate difficoltà finanziarie, mancanza di trasparenza e accertamenti sull’impatto sociale e ambientale.

Diverse organizzazioni internazionali – tra cui Survival International, Human Rights Watch e International Rivers – hanno criticato l’impatto socio-ambientale della diga Gibe III sulla bassa valle dell’Omo. In particolare il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni Survival International ha denunciato che la diga ha messo fine alle esondazioni stagionali del fiume Omo, da cui 100mila indigeni dipendono direttamente per abbeverare le loro mandrie e coltivare i campi, mentre altri 100mila vi dipendono indirettamente. Secondo diversi esperti – tra cui l’idrologo dell’African Studies Center di Oxford Sean Avery– la diga causerà il degrado e l’abbassamento del livello del Lago Turkana in Kenya – il più grande lago in luogo desertico del mondo – dalle cui acque e riserve ittiche dipendono altri 300mila indigeni.

La diga permetterà l’irrigazione di vaste piantagioni commerciali che si stanno realizzando nelle terre ancestrali delle tribù. Le organizzazioni internazionali hanno denunciato che le autorità locali stanno sfrattando questi popoli dalle loro terre, per trasferirli in villaggi di reinsediamento.

Nel marzo 2016, Survival International ha presentato un’istanza all’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) contro Salini Impregilo S.p.A. in merito alla costruzione della diga Gibe III che, secondo Survival, “distruggerà i mezzi di sussistenza di migliaia di persone tra Etiopia e Kenya”.

Intanto, in una parte del Turkana la costa è diminuita di quasi due chilometri, minacciando il sostentamento delle comunità di pescatori. L’Etiopia è talmente impegnata a sviluppare le sue risorse che questi individui a valle, che sono completamente emarginati, non fanno parte del progetto di sviluppo del Paese che in passato ha mostrato un’economia in rapida crescita, ma che ora si prevede che il Pil subirà un duro colpo a causa di una serie di proteste antigovernative che hanno come obiettivo le imprese straniere, a cui l’Etiopia ha pianificato la concessione di altri 100mila ettari (250mila acri) per piantagioni di zucchero nella valle del fiume Omo, insieme alle fabbriche per la lavorazione della canna.

di Cristina Amoroso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi