/ Cultura / In cosa consiste il digiuno del mese di Ramadan?

In cosa consiste il digiuno del mese di Ramadan?

Redazione on 7 maggio 2019 - 01:29 in Cultura, Focus, Primo Piano

Ogni anno, il nono mese del calendario Islamico, nel mese di Ramadan, i Musulmani di tutto il mondo si astengono dall’assumere cibo, bevande, da discorsi inutili e da determinate altre azioni dall’alba al tramonto.

RamadanIl Digiuno è prescritto in tutte le religioni abramitiche

Gli Ebrei, i Cristiani e i Musulmani condividono il precetto del digiuno rituale. Mosè (as) osservò quaranta giorni di digiuno sul monte Sinai, al tempo della rivelazione dei Dieci Comandamenti (Esodo, 24:18 ). Meno nota l’usanza ebraica di digiunare quando si è in lutto o in pericolo. La maggioranza degli ebrei digiuna il giorno della Redenzione e la settimana nella quale commemorano la distruzione di Gerusalemme del 597 A.C. Gesù di Nazareth (as), digiunò tanto nel giorno della redenzione quanto i quaranta giorni di Mosè, contro le tentazioni sataniche.

“Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame.” (Matteo, 4:2-3)

Molti cristiani tutt’oggi osservano un digiuno di quaranta giorni prima della Pasqua (Quaresima), sebbene oggi comprenda solo l’astensione da certi tipi di cibo, piuttosto che da ogni tipo di cibo e bevanda. I musulmani digiunano l’intero mese di Ramadan, e possono, eventualmente, digiunare anche per quasi tutti i giorni dell’anno.

L’ Unico Dio ha prescritto il digiuno per i credenti; molti sono i benefici che questi né trarranno. I piaceri materiali si possono riassumere nelle categorie del mangiare bere, ed avere rapporti sessuali, come della vanità. Il digiuno implica l’astensione volontaria da tali piaceri, imponendoci quindi di tenere una condotta che non asseconda i nostri istinti, per seguire invece il precetto Divino. Questo comportamento costruisce e rinsalda l’auto controllo della persona, mentre al tempo stesso la avvicina ad Allah (SwT). Il digiuno inoltre offre altri benefici:

 q Il digiuno instilla pazienza ed insegna l’auto controllo e la disciplina.

Il digiuno accresce la compassione verso i meno fortunati.

Il digiuno ci mette in grado di focalizzare la volontà sul lato spirituale della vita, mentre ci consente di dominare quello materiale.

Il digiuno apporta molti benefici sul piano della salute.

Il digiuno può essere un mezzo di espiazione di peccati e può essere occasione di grande ricompensa interiore.

Il digiuno è parte di un più vasto e profondo programma di rinnovamento interiore ed esteriore.

Il digiuno commemora il ricordo di importanti avvenimenti religiosi.

Il digiuno islamico del mese di Ramadan è la continuazione della lunga storia del digiuno nelle fedi Abramitiche. I benefici dell’auto-miglioramento fanno del digiuno un importante mezzo per il miglioramento della propria fede e della pratica religiosa.

“In verità i musulmani e le musulmane che digiunano {.. .} sono coloro per i quali Allah ha disposto perdono ed enorme ricompensa”

( Sacro Corano, Sura al-Ahzab, 33:35)

In cosa consiste esattamente il digiuno nel mese di Ramadan?

In breve, il digiuno consiste nell’astenersi da cibo, bevande, chiacchiere inutili e rapporti sessuali nel caso di coniugi, da quando il cielo, all’alba, diventa sufficientemente luminoso da “distinguere un filo bianco da uno nero” fino a che, al tramonto, “il colore roso del cielo lascia la metà dell’oriente”. Alcuni sono esentati dal digiuno, o per l’età avanzata, o per motivi di salute, o perché sono persone incinte o che accudiscono i loro figli, o per seri motivi personali. In tali casi è prevista l’opportunità di compensare il mancato digiuno versando una somma devoluta agli indigenti o “recuperando” i giorni di digiuno più avanti, nel corso dell’anno.

Comunque, è bene tener presente che lo spirito del digiuno durante il mese di Ramadan è molto di più che la semplice astensione da determinate cose. Esso è un periodo di particolare, rimarcato sforzo sulla strada del miglioramento interiore.

“La fame e la sete alle quali vi sottoponete volontariamente, che sentite e che vivete, aiutano la vostra mente a immaginare la siccità e la carestia che attendono gli esseri il Giorno del Giudizio.

 q Devolvi l’elemosina o Zakat, all’indigente, al bisognoso.

Comportati con rispetto nei confronti dei genitori e dei più anziani.

Sii gentile, abbi gesti di amore verso i tuoi figli e le persone più giovani.

Abbiti cura e proteggi i tuoi parenti.

Controlla bene quello che proferisci, e che non esca nulla dalla tua bocca che non andrebbe nemmeno sussurrato.

Non lasciare che il tuo sguardo si trattenga su cose che non è bene che tu guardi.

Non permettere alle tue orecchie di prestare ascolto a discorsi che siano troppo ingiuriosi, insinuanti, per essere ascoltati da chiunque.

Sii compassionevole, benigno e gentile verso gli orfani, cosicché, se i tuoi figli dovessero trovarsi in tale situazione, riceverebbero lo stesso trattamento da altri.

Rivolgiti ad Allah cercandone Perdono e Vicinanza.”

– Il Santo Profeta, pace su di lui e sulla sua famiglia

Oltre a digiunare ed a sforzarsi per il proprio personale miglioramento, i credenti Musulmani dedicano la massima quantità di tempo e sforzi possibili nel mese di Ramadan per pregare e rivolgersi all’Unico Dio. Durante alcune delle notti di questo santo mese, i Musulmani rimangono svegli tutta la notte in adorazione e preghiera.

Dopo l’ultimo giorno del mese Ramadan, i Musulmani celebrano l’Eid al-Fitr, per festeggiare il termine del mese di digiuno. E’ un’occasione d’incontro per pregare insieme, mangiare insieme, e farsi qualche piccolo regalo, specie per i bimbi. Eppure è anche un momento di riflessione: il mese più benedetto, quello di Ramadan, è giunto al termine, e con esso l’opportunità di ricevere i benefici e le possibilità ad esso connessi fino all’anno successivo.

“Cerco rifugio in Te, nella Tua più grande Clemenza, o mio Signore, nel timore che questa notte veda l’alba sorgere, e questo mese di Ramadhan giunga al termine ed io sia ancora al Tuo cospetto,  come peccatore ancora non perdonato, e degno del Tuo biasimo e punizione nel Giorno in cui mi presenterò di fronte a Te”.

(Dall’invocazione dell’ultima notte di Ramadan, dell’Imam Ja’far as-Sadiq, as)

Perché il digiuno è prescritto per i Musulmani in modo particolare nel mese di Ramadan?

“I libri di Abramo furono rivelati nella notte del primo giorno di Ramadan ; la Torah il sesto giorno; i Vangeli la tredicesima notte . . . ed il Santo Corano discese la ventitreesima del mese di Ramadan”Il mese di Ramadan è il nono, nel calendario islamico, che è lunare. Poiché il calendario lunare implica una minore durata dell’anno di circa una settimana e mezzo rispetto a quello solare, il mese di Ramadan comprende, nel corso degli anni, tutte le stagioni, a ritroso. E’ un mese sacro in quanto Allah (SwT) lo ha designato come mese nel quale ha rivelato agli esseri umani le Sacre Scritture. L’Imam Ja’far as-Sadiq (as)riferisce che il Profeta (S) disse:

Viene considerato sacro anche per il fatto che nel mese di Ramadan cade la “Notte del Potere” (Laylat ul-Qadr).

Qadr significa, letteralmente, destino, influenza, e durante questa notte Allah (SwT) stabilisce ogni singolo avvenimento di ogni tipo per ogni Sua singola creatura, per l’anno a seguire.

L’Imam as-Sadiq (as) ci informa che:

“Durante Laylat ul-Qadr gli Angeli, gli Spiriti ed i fidati angeli scriba discendono insieme fino a raggiungere i piani del Cielo più bassi, e lì scrivono qualunque cosa venga decretata da Allah per l’anno a venire, e se Egli vuole che qualcosa progredisca, o abbia una dilazione, o venga sostituita, ordina agli Angeli di cancellarla e sostituirla con quanto da Lui stabilito”

 Lo stesso Profeta dell’Islam (S), ci ha parlato delle molte benedizioni del mese di Ramadan.

“{Il mese di Ramadan} è colmo di vantaggi, di compassione Divina, è stato decretato per poter ammettere davanti ad Allah le nostre mancanze, siano esse azioni o omissioni, chiedendo che ci vengano perdonate. I suoi giorni, le sue notti, le sue ore, sono predilette da Allah, rispetto ai giorni, alle notti, alle ore degli altri mesi. Esso {il mese di Ramadan} supera ogni altro mese in quanto amerito e favori che può elargire. . . . Quindi, con sincero atteggiamento, liberi da pensieri ed azioni maligne, con la coscienza chiara e pulita, preghiamo e chiediamo che Allah ci dia determinazione e perseveranza per osservare il digiuno . . . lungo tutto il mese..”

 Conclusione:

I Musulmani osservano il digiuno, come ogni altro gesto di devozione, per cercare la vicinanza di Allah (SwT), per potere essere da Lui perdonati ed esserGli graditi, e creare così un uno spirito di pietà nell’essere umano. Il digiuno in questo mese è un tributo che rendiamo alla Rivelazione Divina, mentre ci purifica anche interiormente, in vista della Notte del Destino, nella fiducia del perdono Divino. Il digiuno è un rinnovamento annuale, che dona grande ricompensa, in questo Mese della Misericordia Divina, parte essenziale del cammino islamico verso il nostro ideale interiore.

Fonte: http://www.islamshia.org/component/content/article/1-islam/509-in-cosa-consiste-il-digiuno-del-mese-di-ramadan.html

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi