/ Africa / Corno d’Africa e Sudan polarizzati dalla crisi del Golfo

Corno d’Africa e Sudan polarizzati dalla crisi del Golfo

Redazione on 25 ottobre 2017 - 02:08 in Africa, Primo Piano

Crisi del Golfo: la lotta per la leadership tra l’Arabia Saudita e il Qatar non rientra solo nella nuova configurazione geopolitica che si sta costruendo in Medio Oriente, ma è destinata a coinvolgere tra molti Stati africani anche il Corno d’Africa.

Il Corno d’Africa è un punto geostrategico estremamente sensibile e una delle parti più instabili del continente. Situato lungo lo stretto di Bab-el-Mandeb che collega il Golfo di Aden con il Mar Rosso, il Corno d’Africa è stato al centro di rivalità tra diversi poteri mediorientali e altri protagonisti globali. La crisi del Golfo si presenta in un momento difficile per la regione instabile e soggetta a conflitti, affrontando sconvolgimenti politici, controversie interne, povertà e terrorismo. Sembra che le nazioni africane con maggioranza musulmana siano state risucchiate nella disputa araba.

Le relazioni tra il Medio Oriente e il Corno d’Africa sono sempre state importanti grazie ai legami storici, sia culturali che commerciali. La regione è stata tipicamente vista come un campo di battaglia per le guerre proxy e l’espansione di diverse interpretazioni dell’Islam. Alcuni Paesi africani hanno lottato per equilibrare le loro lealtà durante la crisi del Golfo. La crisi ha già colpito Djibouti, Eritrea e Etiopia, con l’eventuale aumento delle tensioni interne in Somalia. Ma a differenza di molti altri membri della comunità internazionale, il Corno d’Africa e molti altri Paesi della regione del Sahel non possono permettersi il lusso di rimanere neutrali a causa delle pressioni esercitate soprattutto dall’Arabia Saudita.

La crisi del Golfo, che si presenta in un momento difficile per la regione instabile e soggetta a conflitti, potrebbe durare molto tempo, forse anche anni, e potrebbe finire solo con un cambiamento definitivo nella leadership di uno dei due attori principali. Fino ad allora, in molti Paesi si lotta per bilanciare le loro lealtà durante la crisi.
Ciò è particolarmente evidente nel caso del Sudan. Nel 2011, il Qatar ha mediato un accordo di pace tra Khartoum e ribelli nella provincia occidentale del Darfur. Mentre il Sudan ha recentemente goduto di stretti legami con l’Arabia Saudita, specialmente dopo che il Sudan ha interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran nel 2014, il Paese ha anche forgiato la stretta collaborazione con il Qatar. Doha ha investito pesantemente nel Sudan, diventando il suo più grande donatore straniero. Così il Sudan vuole mantenere legami normali con l’Arabia Saudita e con il Qatar, ma questo può essere troppo difficile per una sfida per Khartoum quando la crisi si trascina senza alcuna soluzione all’orizzonte.

La crisi nel Golfo può anche compromettere seriamente il recupero post-conflitto e la fragile pace tra Etiopia, Eritrea e Gibuti e la loro disputa territoriale. Giorni dopo lo scoppio della controversia, Doha ha ritirato il suo contingente di mantenimento della pace di 400 soldati dall’isola di Doumeira del Mar Rosso, sostenuto da Eritrea e da Gibuti, dopo che entrambi i Paesi hanno seguito l’iniziativa saudita e hanno limitato i loro rapporti con Doha. Subito dopo, l’Eritrea ha sequestrato l’isola controversa, disturbando la fragile pace della regione e aumentando il pericolo di conflitti armati di proporzioni maggiori, che probabilmente avrebbero attirato la vicina Etiopia, il nemico più amaro dell’Eritrea e un alleato strategico di Djibouti.

Il caso Somalia

La concorrenza per l’influenza politica tra diversi Paesi musulmani è particolarmente visibile in Somalia. Gli Stati del Golfo sono stati il partner commerciale più importante della Somalia e quasi un milione della diaspora somala vive e lavora nel Golfo. La Somalia è stata un alleato fedele dell’Arabia Saudita – il suo più grande partner commerciale – e ha sostenuto il lato saudita nella guerra in Yemen. La Somalia ha mantenuto anche buone relazioni con il Qatar, nonostante il Quartetto arabo abbia richiesto che il governo di Mogadiscio interrompesse i rapporti con Doha.

La Somalia finora ha resistito a farlo, anche dopo che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno offerto al governo della Somalia 80 milioni di dollari per partecipare al boicottaggio del Qatar. Uno dei motivi possibili per la disobbedienza di Mogadiscio potrebbe essere che il Qatar ha finanziato l’attuale presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed conosciuto come “Farmaajo” nella campagna elettorale all’inizio di quest’anno.

Inoltre le tensioni sono emerse anche con gli Eau, gli Emirati Arabi Uniti, nonostante le buone relazioni bilaterali in passato. L’Eau ha forgiato stretti legami con due regioni separatiste-Somaliland e Puntland che hanno dichiarato l’indipendenza dalla Somalia. Entrambe le regioni vedono l’Arabia Saudita e gli Emirati come sostenitori finanziari futuri. Potremmo vedere più Paesi del quartetto impegnati in regioni autonome della Somalia piuttosto che a Mogadiscio.
L’esempio del Corno d’Africa mostra la tendenza di allineamento e divisione tra gli Stati africani sempre più coinvolti in un conflitto che non è il loro e che potrebbe estendersi a macchia d’olio a tutto il continente africano.

di Cristina Amoroso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi