Con i petrodollari sauditi la Francia riempie di armi i Paesi del Golfo

Visualizzazioni : 18

di Redazione

La Francia continua a ricevere il ricco pagamento per essersi messa al servizio dei sauditi e degli altri Stati del Golfo. Dopo la firma del colossale contratto di fornitura di Rafale all’Egitto, pagato per intero dai petrodollari di Riyadh, il presidente Hollande e l’emiro del Qatar Tamin al-Thani hanno dato seguito a quanto annunciato poco tempo fa, firmando un accordo da oltre 6 Mld di euro, che prevede la fornitura di 24 Rafale (oltre all’opzione per altri 12) e un pacchetto completo di sistemi d’arma comprendente missili aria-suolo, kit per bombe guidate e quanto di meglio prodotto dalla Mbda e dalla Sagem, industrie del settore francesi; l’accordo comprende la formazione in Francia di 36 piloti e 100 tecnici per la gestione e manutenzione degli aerei.

Con questa fornitura, le cui consegne dovrebbero cominciare nel 2018, il Qatar raddoppia la sua linea d’aerei d’attacco, fin’ora basata su 12 Mirage 2000-5, già impiegati in Libia e nell’aggressione allo Yemen.

Con le due commesse (quella all’Egitto ed ora questa al Qatar) la Dassault potrà salvare le linee di produzione del Rafale, ridotte a un ritmo di 11 aerei all’anno per mancanza di ordini, e l’Mbda e la Sagem potranno tornare a respirare. È il prezzo riscosso cinicamente per sostenere senza riserve, all’Onu e in ogni altra sede, gli interessi e le politiche dei petrostati del Golfo.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi