Canada vende illegalmente proprietà dell’Iran

Canada-Iran
Visualizzazioni : 90

Il Canada ha donato beni iraniani per un valore di circa 30 milioni di dollari alle vittime di attacchi terroristici in cui l’Iran afferma di non essere stato coinvolto. Le vittime hanno ricevuto il denaro attraverso la vendita di due edifici di proprietà iraniana a Ottawa e Toronto, secondo un documento depositato presso la Corte superiore di giustizia dell’Ontario in agosto.

La preziosa proprietà di Ottawa, venduta per 26,5 milioni di dollari, è stata utilizzata come centro culturale iraniano e l’edificio di Toronto, venduto per 1,85 milioni di dollari, è stato utilizzato come centro per gli studi iraniani, secondo quanto riferito dal Global News. Oltre ai 28 milioni di dollari guadagnati dalla vendita delle due proprietà, alle vittime è stata anche assegnata una quota di circa 2,6 milioni di dollari sequestrata dai conti bancari dell’Iran. I documenti elencano anche una Toyota Camry e Mazda Mpv.

Tra i destinatari vi sono diverse famiglie americane che hanno presentato istanza nei tribunali dell’Ontario e della Nuova Scozia, in cerca di una quota dei beni iraniani sequestrati dal governo canadese. In particolare, includono la famiglia di Marla Bennett, cittadina americana uccisa in un attentato del 2002 che ha scosso l’Università Ebraica a Gerusalemme.

Gli attacchi sono in parte attribuiti ingiustamente ai movimenti di Resistenza palestinese e libanese Hamas ed Hezbollah. Le famiglie hanno affermato che il governo iraniano ha sostenuto le due organizzazioni ed era quindi responsabile delle loro azioni. Le denunce sono state presentate per la prima volta negli Stati Uniti, ma i ricorrenti si sono rivolti al Canada dopo aver scoperto che il governo iraniano aveva più proprietà e conti bancari nel Paese del nord America.

Nel luglio 2017, un tribunale canadese ha richiesto alla Repubblica islamica dell’Iran di pagare circa 1,7 miliardi di dollari di danni a “vittime americane del terrorismo”. L’Iran ha negato qualsiasi ruolo negli attacchi che i tribunali hanno utilizzato come pretesto per appropriarsi dei beni congelati del Paese. Teheran aveva sostenuto che le vittime dovevano dimostrare il ruolo dell’Iran in ogni attacco invece di ripetere semplicemente le accuse infondate del governo degli Stati Uniti.

Canada rifugio sicuro per criminali

Il sequestro e la vendita di beni iraniani in Canada arrivano quando il Paese si è trasformato in un centro di frode e un rifugio sicuro per i sequestratori che riescono a sfuggire alla giustizia nella Repubblica Islamica dell’Iran, secondo il procuratore generale iraniano Mohammad Jafar Montazeri.

Mahmoud Reza Khavari, un ex banchiere iraniano, è fuggito in Canada dopo che una frodi finanziarie di 2,6 miliardi di dollari è emersa nel 2011. È stato condannato a 30 anni di prigione e l’Interpol ha emesso un mandato per lui nel dicembre 2017. Anche Marjan Sheikholeslami, accusato di appropriazione indebita di fondi pubblici in Iran in due casi separati, è fuggito in Canada. Nel 2010, tra le sanzioni internazionali contro l’Iran, ha fondato varie società in Iran e Turchia per aiutare l’Iran a bypassare le sanzioni e vendere i suoi prodotti petrolchimici, ma secondo come riferito ha rifiutato di rimborsare i soldi del governo.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi