Brasile: impeachment per Wilma Rousseff, a Washington si brinda

Visualizzazioni : 33

di Redazione

A schiacciante maggioranza (55 a 22) il Senato brasiliano ha votato per l’impeachment della Presidente Wilma Rousseff; adesso è sospesa dall’incarico per un massimo di sei mesi durante i quali dovrà difendersi dalle accuse, fino al verdetto definitivo che sarà emesso sempre dal Senato.

Assume la Presidenza il vice-presidente Michel Temer, un politico chiacchierato quanto detestato dall’elettorato (secondo i sondaggi, ad elezioni presidenziali non andrebbe oltre il 2%), che è uno dei registi del golpe bianco che gli permetterà di rimanere ai vertici del Paese fino al 2018.

È l’epilogo dell’attacco contro le politiche, e soprattutto il mancato allineamento a Washington ed alla finanza internazionale, espresse in 13 anni prima la Lula e poi dalla Rousseff. Un attacco concentrico al Pt (Partito dei Lavoratori) da parte di potentati economici, media da loro controllati e spezzoni di magistratura.

È il risultato di una massa di errori commessi e non ammessi dalla Presidente, che hanno messo a nudo tutta la sua inadeguatezza, indebolendola e rendendola il capro espiatorio perfetto di un Paese scontento. Adesso Temer metterà mano a un’agenda liberista (e filo Usa) che romperà col passato e farà la felicità dei mercati finanziari, della grande industria e delle classi più agiate.

Ma la rimozione della Rousseff, e l’estromissione del Pt dal potere, non risolverà nessuno dei tanti problemi del Brasile: né quelli economici e neanche la corruzione imperante che vede la stragrande maggioranza dei parlamentari che hanno votato per l’impeachment accusati o sotto processo per essersi arricchiti illegalmente (e questo a differenza della Presidente, sin’ora estranea a questo genere di accuse).

I deputati e i senatori che l’hanno silurata sperando di salvarsi rifacendosi una verginità, verranno a breve travolti dalla magistratura che continua le sue inchieste. Sarà tutta la classe politica ad essere spazzata via, per far posto ai nuovi e più affidabili referenti dei centri di potere (nazionali ed internazionali) che appaiono evidenti dietro l’operazione.

L’imputazione di Dilma per una pratica messa in atto da tutti i Presidenti che l’hanno preceduta (abbellire i bilanci), è stato solo il pretesto per spazzare via un Governo senza passare da elezioni e consegnare il Paese a chi adesso avrà mano libera. A Washington ed a Wall Street si brinda.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi