Birmania. Cinque milioni di persone vivono in aree contaminate da mine anti uomo

Visualizzazioni : 43

di Redazione

Le mine inesplose messe dall’esercito birmano nelle zone di conflitto ad Est del Paese sono una minaccia quotidiana per la vita dei civili.

Un rapporto dell’organizzazione umanitaria Ginevra del 2011 ha stimato che circa cinque milioni di persone vivono in aree contaminate da mine anti uomo.

Secondo l’organizzazione per i diritti umani, Karen Human Rights Group (Khrg), le mine sono presenti nella zona dei villaggi di Noh Kay, T’Nay Hsah Township, Pa’an e a Htee Kyah.

Molti abitanti dei villaggi non sono a conoscenza di dove sono state posizionate le mine dei militari birmani e corrono quotidianamente dei rischi.

Sempre l’organizzazione Khrg ha documentato, anche recentemente, che i militari birmani usano gli abitanti dei villaggi per scovare le mine mandandoli a camminare davanti alle unità dell’esercito.

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi