/ Asia / Bazar di Tabriz, crocevia di commercio e cultura

Bazar di Tabriz, crocevia di commercio e cultura

Redazione on 31 agosto 2018 - 09:18 in Asia, Cultura, Primo Piano

Iran – Il complesso storico del bazar di Tabriz, un labirinto di passaggi coperti interconnessi che si estende per circa cinque km, è stato un crogiolo di scambio culturale sin dall’antichità e una volta un punto cruciale sull’antica Via della Seta.

Il bazar, che è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco, comprende innumerevoli negozi, oltre 20 caravanserragli e locande, 20 ampie sale a cupola, stabilimenti turistici e moschee, nonché altre strutture in mattoni e spazi chiusi per funzioni diverse. Tabriz è la capitale della provincia nord-occidentale dell’East Azarbaijan. La storia del bazar di Tabriz risale a oltre un millennio fa, tuttavia la maggior parte delle volte in mattoni pregiati che catturano gli occhi dei visitatori risalgono al 15° secolo.

La maggior parte dei labirinti e passaggi offre alcuni prodotti come tappeti, oggetti in metallo, giocattoli, vestiti, gioielli ed elettrodomestici da cucina, spezie tradizionali, rimedi erboristici e profumi naturali. Si può anche imbattersi in coloratissimi negozi di alimentari, legatori, fabbri, lattonieri, fabbri di rame, tabaccai, sarti, venditori di bandiere, venditori ambulanti, carpentieri, calzolai e fabbricanti di coltelli.

Ci sono diverse sezioni di moquette divise in tutto il bazar che consentono ai visitatori di guardare o acquistare tappeti persiani tessuti a mano con diversa densità di nodi e altre caratteristiche. Il bazar era anche noto e prospero durante il 13° secolo quando la città di Tabriz divenne la capitale della dinastia safavide (1501-1736). La città perse il suo status di capitale nel 16° secolo, ma rimase importante centro commerciale fino alla fine del XVIII secolo, con l’espansione del potere ottomano. È uno degli esempi più completi del sistema commerciale e culturale tradizionale dell’Iran.

La città di Tabriz ha distanziato il suo periodo di massimo splendore quando la capitale fu trasferita verso est a Qazvin nel 16° secolo, ma il bazar rimase vitale come hub commerciale.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi