Battaglia di Al-Hudaydah: obiettivi e ruolo degli Usa

Visualizzazioni : 5

Nelle ultime settimane, la coalizione araba guidata dai sauditi e dai mercenari dell’ex presidente Abdrabbuh Mansur Hadi hanno intensificato i loro attacchi contro la città portuale yemenita di al-Hudaydah. Secondo i rapporti, la nuova ondata di aggressione ha ucciso almeno 150 civili yemeniti. Solo nel primo giorno, la coalizione araba ha lanciato circa 30 attacchi aerei sulla città. Ad oggi, sono stati finora segnalati oltre 200 raid aerei.

Al-HudaydahLa nuova spinta per prendere il controllo della cruciale città portuale è iniziata giovedì scorso, un giorno dopo che il Segretario di Stato americano Mike Pompeo in un discorso ha dichiarato che i colloqui di pace dello Yemen per porre fine alla guerra dovrebbero iniziare il prossimo mese. Negli ultimi mesi, le organizzazioni internazionali e l’opinione pubblica globale hanno pressato per porre fine alla devastante guerra. Nonostante ciò, gli attacchi sono ripresi con maggiore violenza.

Ci poniamo alcune domande: perché l’alleanza araba sta intensificando gli attacchi al momento attuale? Quanto significa il porto di al-Hudaydah per gli aggressori? E qual è il ruolo degli Stati Uniti nella campagna militare?

Ad Al-Hudaydah continua il conflitto

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, i maggiori membri dell’alleanza araba, hanno iniziato il loro attacco contro al-Hudaygdah a giugno, mentre le Nazioni Unite erano impegnate a organizzare colloqui di pace tra le parti in guerra. In uno scontro largamente asimmetrico e contrario alla predizione dell’alleanza Saudita-Emirati sulla vasta conquista del porto, le forze del movimento di Resistenza yemenita Ansarullah hanno distrutto una fregata degli Emirati Arabi Uniti che trasportava le forze e le attrezzature per uno sbarco costiero.

Contemporaneamente, navi da guerra statunitensi e britanniche sono state schierate nei punti strategici della costa dello Yemen. Le due potenze occidentali hanno anche inviato forze consultive e fornito logistica ai loro alleati arabi. Il sostegno ha aiutato molto la capacità dei due alleati arabi di intensificare i loro attacchi, ma dopo l’offensiva durata un mese contro il porto e feroci combattimenti tra le due parti, la resistenza di Ansarullah ha ostacolato i piani dei due Paesi arabi.

Il porto di Al-Hudaydah si trova a 150 chilometri dalla capitale Sana’a, con una popolazione di circa 600mila abitanti. Oltre il 70 percento delle importazioni dello Yemen viene effettuato attraverso questo porto e quasi tutti gli aiuti umanitari vengono consegnati in questo porto. L’importanza strategica del porto ha incoraggiato le forze di occupazione a fare di tutto per conquistarlo. Dopo il fallimento del primo round di attacchi su al-Hudaydah, gli Stati Uniti hanno deciso di inviare direttamente le forze nel sud. Dopo il primo fallimento, i membri della coalizione hanno lanciato a settembre una nuova aggressione contro la città portuale.

Gli obiettivi che guidano l’attacco al porto

Il primo obiettivo è quello di strappare delle concessioni ad Ansarullah, che governa la capitale e alcune altre province, nei possibili negoziati di pace. E’ difficile per le forze della coalizione sconfiggere gli yemeniti e assumere il controllo dell’importante città meridionale. Anche se riescono a prendere parti della città, sarà difficile per loro tenerlo a lungo. Quindi, la spinta principale alla recente escalation è il conseguimento di risultati politici. Sembra che gli Stati Uniti siano disposti a negoziare i colloqui poiché è fortemente sotto pressione da gruppi per i diritti umani e organizzazioni internazionali che pubblicano regolarmente rapporti sulle vittime e sulla catastrofe umanitaria che l’aggressione saudita sta provocando.

Nell’ottobre 2016, il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che chiede al Pentagono di fermare il sostegno aereo, incluso il rifornimento di carburante degli aerei della coalizione araba. Ma il Pentagono ha ignorato l’invito dei legislatori. Le pressioni continuarono fino ad oggi.

Sabato scorso, il senatore Todd Young dell’Indiana e la senatrice Jeanne Shaheen del New Hampshire hanno chiesto all’amministrazione di inviare un messaggio chiaro e diretto all’Arabia Saudita. “Se l’amministrazione non prende provvedimenti immediati, tra cui la fine del rifornimento degli aerei della coalizione saudita negli Stati Uniti, siamo pronti ad agire quando il Senato tornerà in sessione”. La dichiarazione è stata pubblicata sul sito web di Young.

Quindi, non sorprende che i sauditi e gli emirati, dopo l’ultimatum di Pompeo per il dialogo di pace, abbiano lanciato nuovi feroci attacchi sulla città portuale per ottenere una maggiore contrattazione possibile mentre le pressioni aumentano su di loro. L’inviato dell’Onu per il conflitto nello Yemen, Martin Griffiths, ha recentemente compiuto nuovi sforzi per avviare i colloqui di pace e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha messo in guardia contro le malattie che minacciano la vita di milioni di yemeniti.

Il secondo obiettivo è stringere l’accerchiamento su Ansarullah. La città ha una particolare importanza geografica e funge da ancora di salvezza per il Paese. Consapevoli che negli scontri di terra le forze di aggressione hanno fallito, l’alleanza vuole stringere il cappio sugli yemeniti tramite incursioni aeree sul porto.

Il terzo obiettivo è la materializzazione del piano di federalizzazione dello Yemen. Oltre alle forze saudite e degli Emirati, i combattenti tribali fedeli a Mansour Hadi e l’ex presidente Ali Abdullah Saleh, così come i mercenari sostenuti dagli Eau, stanno prendendo parte alla battaglia per il porto. Ci si aspetta che ogni parte rivendichi una quota dalle regioni strategiche yemenite al termine della guerra. Riyadh e Abu Dhabi sono essi stessi in lite per parti sensibili del Paese, principalmente il sud.

Nella battaglia di Al-Hudaydah, oltre ai costi della guerra, Riyadh paga i costi psicologici e di credibilità. Inoltre, i due alleati sono in disaccordo sulla presidenza di Mansur Hadi, alleato dell’Arabia Saudita.

Quando finirà la battaglia?

L’Oms nel suo rapporto ha riferito a Saud che 10 milioni di bambini yemeniti hanno urgente bisogno di cure mediche. L’organizzazione ha aggiunto che ogni giorno un gran numero di bambini muoiono per mancanza di farmaci e assistenza sanitaria.

Il sito web francese Le Monde in un rapporto sostiene che i capi di 62 organizzazioni per i diritti umani in una lettera scritta ai membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno avvertito che sempre più civili vengono uccisi, o muoiono di malattie e carestia. Hanno condannato il bombardamento di ospedali, scuole e mercati definendoli “crimini contro l’umanità“.

Le pressioni internazionali stanno spingendo i funzionari dell’amministrazione statunitense a chiedere colloqui di pace. La scorsa settimana, il segretario alla Difesa James Mattis ha affermato che i partiti yemeniti dovrebbero iniziare i colloqui di pace entro 30 giorni. Lo scorso mese, il senatore Bernie Sanders del Vermont ha dichiarato che “gli Stati Uniti sono profondamente coinvolti in questa guerra”.

Dopo l’inizio del nuovo round di attacchi su al-Hudaydah, diversi attivisti per i diritti umani si sono riuniti a New York e hanno condannato le atrocità saudite. Inoltre, con riferimento alle pressioni del Senato, la Casa Bianca non può più sostenere questa guerra che essa ha direttamente o indirettamente provocato.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi