/ Asia / Bahrain, brutale repressione contro dissidenti politici

Bahrain, brutale repressione contro dissidenti politici

Redazione on 10 novembre 2017 - 13:20 in Asia, Primo Piano

Il gruppo dei diritti dei media Reporters Without Borders (Rsf) ha denunciato la spietata soppressione delle minoranze e dei dissidenti politici da parte del regime del Bahrain.

Secondo l’organizzazione con sede a Parigi, l’emirato del Golfo sta reprimendo ogni dissenso ad un ritmo allarmante, con conseguente imprigionamento di molti blogger e giornalisti. Secondo quanto riferito, la repressione non è limitata solo ai giornali dell’opposizione, come ad esempio al-Wasat, ma riguarda anche giornalisti locali dei media, blogger e scrittori non professionisti.

La denuncia di Rsf arriva dopo che il regime del Bahrain ha condannato il blogger Ali al-Mearaj al carcere a vita e il giornalista Mahmood al-Jazeeri a 15 anni di carcere.

Dal 2011, migliaia di militanti anti-regime tengono continue manifestazioni di protesta, scontrandosi con la brutale repressione delle forze di sicurezza del regime di Manama. I manifestanti chiedono l’abdicazione della dinastia Al-Khalifa, sostenuta dall’Arabia Saudita e l’istituzione di un sistema politico inclusivo che deve rappresentare la maggioranza sciita della nazione.

Sostenuto dalle truppe Saudite e Emiratine, Al-Khalifa ha represso l’opposizione con crescente tenacia. Il 5 marzo, il parlamento di Bahrain ha approvato una legge che permette di processare i civili nei tribunali militari, in chiara violazione dei diritti umani ed equivalente all’imposizione di una legge marziale di fatto. Il regime degli Al-Khalifa è riuscito a non essere travolto dalla rivolta grazie all’intervento militare dell’Arabia Saudita e degli Emirati, che di fatto occupano il piccolo Stato, con la scusa bugiarda che si tratta di disordini confessionali ispirati da Teheran.

I Bahrain, i minori in sono regolarmente presi in custodia senza una precisa accusa né un mandato d’arresto. Numerosi gruppi e Ong che si occupano di diritti umani hanno più volte accusato pesantemente Manama per detenzione ingiustificata e tortura nei confronti dei minori. Lo scorso giugno, un tribunale ha condannato 26 attivisti a lunghe pene detentive e spogliati della loro cittadinanza. Secondo i media locali, 18 attivisti del gruppo Gioventù Diraz sono stati condannati al carcere a vita.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi