Bahrain, non solo paradiso fiscale e campionato mondiale di Formula 1

Visualizzazioni : 36

di Cristina Amoroso

Gli specialisti di paradisi fiscali e Offshore conosceranno di certo del Bahrain i grattacieli del centro commerciale e finanziario di Manama, come i tifosi di Formula 1 seguiranno sul circuito della capitale le gare internazionali delle case automobilistiche, mentre le leggende metropolitane rievocano per il Bahrain e gli emirati arabi fole di tratta delle bianche.

Eppure il Bahrain ha una ben meritata reputazione per la tortura, che precede anche le gravi violazioni dei diritti umani durante e dopo la rivolta del 2011. Il periodo tra il 1975 e il 1999, conosciuto come “State Security Law Era”, ha visto un’ampia gamma di violazioni dei diritti umani, tra cui arresti arbitrari, detenzioni senza processo, torture e l’esilio forzato. Dopochè l’emiro Hamad Al-Khalifa, divenuto poi re, successe al padre Isa Al-Khalifa nel 1999, introdusse ampie riforme e diritti umani migliorati in modo significativo. Queste mosse sono state descritte da Amnesty International come rappresentante di un “periodo storico dei diritti umani”.
Le condizioni dei diritti umani hanno iniziato a diminuire entro il 2007, quando la tortura ha cominciato ad essere impiegata di nuovo. Nel 2011, Human Rights Watch ha descritto la situazione dei diritti umani del Paese come “triste”. Nel 2011, il Bahrain è stato criticato per la sua brutale repressione della rivolta portata avanti dalla maggioranza della popolazione. Nel mese di settembre, una commissione governativa nominata ha confermato segnalazioni di gravi violazioni dei diritti umani, compresa la tortura sistematica. Il governo ha promesso di introdurre riforme ed evitare di ripetere gli “eventi dolorosi”. Tuttavia, i rapporti di organizzazioni per i diritti umani Amnesty International e Human Rights Watch emessi nell’aprile 2012 dicono che le stesse violazioni stavano ancora accadendo.

La situazione sui diritti umani è regredita ulteriormente in settori chiave nel 2013 e il governo ha fatto pochi progressi reali in materia di riforme che sosteneva di perseguire. Le forze di sicurezza hanno continuato ad arrestare decine di individui arbitrariamente nelle città dove le proteste anti-governative si svolgono regolarmente. I critici del governo di alto profilo restano in carcere perché hanno esercitato esclusivamente i loro diritti alla libertà di espressione e di riunione. Il sistema giudiziario, guidato dal dirigente membro della famiglia, non ha ancora coinvolto nessun alto funzionario responsabile di gravi violazioni dei diritti umani che si sono verificati a partire dal 2011, compresi i decessi correlati alla tortura in detenzione.

Sono molti gli attivisti del Bahrain che hanno pagato per leggi ingiuste, condanne ingiuste e tattiche illegali, ma pochi hanno resistito con tanta determinazione d’acciaio come gli attivisti della famiglia al-Khawaja.
Il 30 Agosto hanno arrestato Maryam al-Khawaja con l’accusa di aver aggredito un agente di polizia all’aeroporto di Manama quando gli ufficiali hanno tentato di prendere il suo telefono cellulare. Non si sarà sorpresa, già nel mese di agosto 2013, il personale all’aeroporto di Copenaghen aveva impedito di imbarcarsi su di un volo per il Bahrain, così lei era consapevole del fatto che le autorità non la volevano nel Paese.
Maryam ha preso solo la decisione di volare in Bahrain dopo aver sentito che suo padre, che ha iniziato uno sciopero della fame il 24 agosto, era in pericolo di vita. Abdulhadi al-Khawaja è un dissidente di alto profilo che sta scontando una condanna a vita dopo una condanna gravemente iniqua.

Dal momento della prigionia di Abdulhadi nel 2011, Maryam e sua sorella Zainab sono divenute le più ferme oppositrici del governo del Bahrain che non tollera critiche del suo comportamento repressivo. Zainab al-Khawaja è stata rilasciata dal carcere nel febbraio 2014, dopo aver scontato un anno per partecipazione a raduni illegali e insulti alla polizia.
“Gli alleati occidentali del Bahrain hanno la responsabilità significativa per il deterioramento della situazione in Bahrain e per le circostanze calamitose che affrontano gli attivisti nel Paese, tra cui Zainab, Maryam e Abdulhadi”, afferma Nicholas McGeehan, attivista per i diritti umani, in un dispaccio dell’1 settembre. Che pressione hanno registrato il Regno Unito e gli Stati Uniti per la liberazione di Abdulhadi al-Khawaja e il rilascio di altri dissidenti di alto profilo il cui unico “crimine” è stato quello di chiedere riforme politiche nel Paese?

Invece, gli alleati del Bahrain hanno optato per una politica disastrosa di pacificazione e di acquiescenza, e sono rimasti in gran parte in silenzio di fronte alle violazioni dei diritti umani che forse avrebbero a gran voce denunciato se si fossero verificate in un Paese meno importante strategicamente.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi