Australia: l’inferno dei centri di detenzione per minori migranti

Visualizzazioni : 59

di Cristina Amoroso

Proprio l’Australia, regina di ricchezza e benessere, è l’unica nazione che, per quanto riguarda la detenzione, ha in atto una legge di carattere punitivo, riguardante i richiedenti asilo i quali, nel caso trovino rifugio nel Paese, sono relegati dalle autorità in centri di detenzione isolati come quello dell’isola di Manus in Papua Nuova Guinea, o in quello sulla Christmas Island.

A riferire sulle condizioni dei bambini è la Commissione australiana per i diritti umani dopo le visite a 11 centri, effettuati nell’ambito dell’Inchiesta Nazionale sui centri detentivi per bambini. L’indagine ha avuto inizio nel febbraio del 2014, quando erano 1.138 i bambini rifugiati detenuti. L’inchiesta nazionale, dal titolo emblematico “The Children Forgotten”, (I bambini dimenticati), è stata presentata in Parlamento l’11 febbraio con la raccomandazione che tutti i bambini tenuti in detenzione in Australia e a Nauru siano rilasciati integrandoli nella comunità.

L’indagine ha scoperto che dal gennaio 2013 al marzo 2014, circa 300 bambini, di età compresa tra i 12 e i 17 anni, hanno commesso o minacciano di commettere atti di autolesionismo in centri di  detenzione in mare aperto, come quelli in Papua Nuova Guinea e Nauru. L’indagine, che è la più grande mai condotta sui bambini in stato di detenzione, ha anche rivelato che circa 30 bambini sarebbero stati sessualmente abusati, mentre quasi il 30 per cento è andato in sciopero della fame e circa 200 sono stati esposti a livelli inaccettabili di violenza. Spesso vivono con gli adulti che  mostrano malesseri mentali.

“Il rapporto inoltre cita dati medici indicanti che il 34 per cento dei bambini sono stati diagnosticati con gravi disturbi mentali”, ha riferito il Presidente della Commissione per i diritti umani, il professor Gillian Triggs in una dichiarazione rilasciata giovedì; ha poi aggiunto che la lunga detenzione dei bambini viola gli obblighi internazionali in Australia nel quadro della Convenzione sui diritti del fanciullo (Crc).

Secondo il rapporto, la durata media della detenzione dei bambini è aumentata a 17 mesi da ottobre dello scorso anno, quando era pari a 14 mesi. Attualmente, ci sono 257 bambini in stato di detenzione da immigrazione, tra cui 119 a Nauru, rispetto ai quali il rapporto insiste sulla necessità di integrare i bambini nella comunità australiana, e chiudere centri di detenzione isolati come Christmas Island nell’Oceano indiano, nonché la nomina di tutori indipendenti per i minori non accompagnati. Infatti, alcune delle caratteristiche più inumane di questi centri di detenzione risiedono nel fatto che siano così remoti dalla società: Christmas Island è a otto ore di volo da Perth… sono praticamente dimenticati! Quindi, è difficile per questi ragazzi avere un sostegno legale ed è molto difficile avere un sostegno umanitario, un sostegno di welfare sociale.

Intanto il Fondo delle Nazioni Unite (Unicef) ha espresso sostegno per la liberazione dei bambini, sostenendo che “la detenzione è pericolosa per i bambini e può causare danni per tutta la vita. Non si possono tenere i bambini al sicuro in detenzione”. Secondo l’ultimo rapporto Onu in gennaio alcuni richiedenti asilo nei centri di detenzione gestiti in Australia a Manus Island si sono cucite le labbra ed hanno iniziato lo sciopero della fame per protestare contro le loro condizioni di vita.

A detta del professor Gillian Triggs, Presidente della Commissione per i diritti umani, le leggi australiane sull’immigrazione sono punitive. Nessun Paese al mondo, in particolare Paesi come il Regno Unito, Canada, Nuova Zelanda e Stati Uniti, impone la detenzione a tempo indeterminato di bambini come prima scelta politica e poi nega loro un accesso effettivo alla giustizia per contestare la necessità della loro detenzione nel corso di mesi e persino anni.

Il Regno Unito, per esempio, richiede che i bambini che arrivano senza visto vengano immediatamente proiettati e rilasciati nella comunità, mentre il loro status di rifugiati viene completato. Solo al punto di uscita dal Regno Unito dopo una domanda di visto infruttuoso un bambino può essere arrestato – e solo per 72 ore.

Il diritto del Regno Unito è in netto contrasto con la legge australiana, dove, dal 1992, la Legge sull’Immigrazione prevede che i bambini siano detenuti, a tempo indeterminato, se necessario, quando arrivano in barca senza un visto. Questa legge è stata sostenuta e attuata da entrambe le parti  politiche che si sono alternate al potere negli ultimi 23 anni.

“La detenzione indefinita, in cattive condizioni, senza un accesso effettivo alle cure mediche del caso, all’istruzione o al controllo da parte dei giudici, significa detenzione arbitraria in contrasto con le più antiche leggi comuni che vietano la detenzione senza processo, tra cui la Magna Carta firmata 800 anni fa”, conclude il Prof. Triggs, augurandosi che il Rapporto fornisca finalmente al governo l’opportunità di cambiamento.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi