Assange, Inghilterra firma estradizione negli Stati Uniti

Visualizzazioni : 4

Per Julian Assange l’estradizione negli Stati Uniti è ormai cosa certa visto che il ministro degli Interni britannico, Sajid Javid, ha firmato la richiesta di estradizione nei confronti del fondatore di Wikileaks. A maggio, Assange era stato incriminato per la violazione dell’Espionage Act e accusato anche di cospirazione nell’hackeraggio di un computer governativo in relazione alla guerra in Afghanistan e Iraq.

AssangeNella giornata di ieri,, Assange ha affrontato la prima udienza nel tribunale di Londra vista la richiesta di estradizione presentata dagli Stati Uniti, richiesta che ha smosso i difensori della libertà di stampa che da sempre hanno preso le difese di Assange e del suo lavoro. Il 47enne australiano sta scontando una pena detentiva di 50 settimane per aver violato le condizioni di libertà su cauzione nel 2012, quando era ricercato per accuse di violenza sessuale in Svezia.

Washington dice che Assange ha violato lo Spionage Act rilasciando nel 2010 una vasta raccolta di file militari e diplomatici classificati sulle campagne di bombardamento statunitensi in Afghanistan e Iraq. Le prime rivelazioni su vittime civili e dichiarazioni imbarazzanti fatte da funzionari statunitensi su leader stranieri sono state pubblicate in coordinamento con giornali come The New York Times e The Guardian.

Queste storie hanno accuratamente ridimensionato i nomi e i dettagli personali degli operativi statunitensi e degli informatori locali le cui vite avrebbero potuto essere messe in pericolo dal rilascio delle loro identità. WikiLeaks alla fine trovò l’accordo troppo limitato e pubblicò l’intero carico di file video non modificati sul suo sito web.

Quello che dovrebbe far riflettere e che nessuna delle 18 accuse contro Assange riguarda la pubblicazione di e-mail da parte del suo sito, che presunti agenti russi avrebbero rubato dal Partito Democratico durante la trionfale campagna elettorale presidenziale di Donald Trump.

“WikiLeaks funziona come un servizio di intelligence ostile e parla come un servizio di intelligence ostile”, ha dichiarato il segretario di Stato americano Mike Pompeo due giorni dopo l’arresto di Assange. “È ora di chiamare Wikileaks per quello che realmente è, un servizio di intelligence ostile non statale spesso favorito da attori stranieri come la Russia”.

Assange potrebbe essere condannato a 175 anni di carcere se condannato per tutte le accuse.

di Sebastiano Lo Monaco

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi