/ Medio Oriente / In Arabia Saudita 2.613 prigionieri di coscienza

In Arabia Saudita 2.613 prigionieri di coscienza

Redazione on 21 settembre 2018 - 11:26 in Medio Oriente, Primo Piano

Arabia Saudita – Le autorità saudite stanno trattenendo in carcere più di 2.500 attivisti anti-regime nell’ambito di una crescente repressione guidata dal principe ereditario Mohammed bin Salman contro i predicatori, i membri della stampa e gli intellettuali del regno Saud.

Arabia-SauditaIl gruppo per i diritti dei prigionieri di coscienza, un’organizzazione non governativa indipendente che difende i diritti umani in Arabia Saudita, ha annunciato in un post sulla sua pagina Twitter ufficiale che almeno 2.613 persone, tra cui avvocati, giudici, accademici e studiosi di primo piano, stanno attualmente languendo nelle carceri e nei centri di detenzione in tutto il Paese. Il gruppo ha aggiunto che il giornalista Khalid al-Alamaki è detenuto in carcere dal 27 settembre dello scorso anno per accuse sconosciute.

L’Arabia Saudita ha recentemente intensificato arresti, procedimenti giudiziari e condanne di dissidenti pacifici e attivisti per i diritti umani. Funzionari sauditi hanno anche intensificato le misure di sicurezza nella provincia orientale, ricca di popolazione e ricca di petrolio.

La provincia orientale, a maggioranza sciita, è stata teatro di manifestazioni pacifiche dal febbraio 2011. I manifestanti chiedono riforme, libertà di espressione, rilascio dei prigionieri politici e la fine della discriminazione economica e religiosa contro la regione ricca di petrolio. Forti critiche internazionali sono piovute sul regime saudita per aver imprigionato il predicatore sunnita Salman al-Awda, chiedendo la sua liberazione immediata.

Le proteste sono state accolte da una pesante repressione da parte del regime, con le forze saudite che hanno rafforzato le misure di sicurezza in tutta la provincia. Negli ultimi anni, Riyadh ha anche ridefinito le sue leggi anti-terrorismo per colpire l’attivismo.

Questo è il Paese che viene considerato dall’Occidente un alleato, un elemento di stabilità, pilastro di un fantomatico fronte di Stati arabi “moderati”, costituito da spietate dittature e regni assolutisti, dove la libertà è sconosciuta e la repressione sanguinosa è una regola.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi