Arabia Saudita e il ritorno delle forze Usa nel Paese

Arabia-Saudita
Visualizzazioni : 151

Dopo che diverse volte i funzionari statunitensi hanno dichiarato di voler aumentare le loro forze nell’Asia occidentale e nelle regioni del Golfo Persico tra le crescenti tensioni, il re Salman dell’Arabia Saudita ha recentemente concordato con la ridistribuzione delle truppe americane nel regno arabo dopo la partenza per il Qatar nel 2003. Centinaia di truppe, aerei da combattimento e batterie per la difesa missilistica erano di stanza nella base aerea del Principe Sultan a sud della capitale Riyadh un mese fa e il numero di truppe dovrebbe raggiungere 500 unità. L’Arabia Saudita ha accettato di pagare i costi del loro dispiegamento.

Negli ultimi decenni, l’Arabia Saudita è stata uno degli alleati strategici degli Stati Uniti nella regione e ha giocato come attore militare, politico ed economico nella protezione degli interessi occidentali nella regione in cambio di un’ampia copertura militare e diplomatica dall’Occidente. Il ridispiegamento delle forze Usa ha scatenato alcune speculazioni e domande degli analisti politici che attualmente cercano la vera ragione dietro la misura degli Stati Uniti.

Basi statunitensi in Arabia Saudita

Dal 1990, l’Arabia Saudita ha ospitato migliaia di forze statunitensi e strutture militari sul suo territorio. La monarchia ha pagato oltre il 50 percento dei costi di costruzione delle basi che ospitavano le forze americane. Prima degli attacchi dell’11 settembre, Washington aveva 13 basi militari per scopi speciali in Arabia Saudita. Inoltre, 66 basi militari appartenenti alle forze armate dell’Arabia Saudita erano disponibili per gli americani. Il Comando centrale delle forze americane nel regno aveva il quartier generale nella base aerea del principe Sultan che ospita anche U-2, aerei da ricognizione ad alta quota.

Altre basi saudite a disposizione delle forze americane sono la base aerea del re Abdulaziz a Dhahran, la base aerea del re Khalid a Riyad, la base aerea del re Faisal a sud del Paese, la base aerea del re Fahad, la base aerea del principe Abdullah bin Abdulaziz a Jedda, la base del mare del re Abdulaziz a Dammam, e una base navale ad Al Jubail, una città nella provincia orientale. Queste basi sono rimaste attive attive nonostante il fatto che la presenza militare americana in Arabia Saudita fosse praticamente ridotta dopo il maggio 2003. Quando gli Stati Uniti invasero l’Iraq nel 2003, circa 300 aerei americani di vario tipo decollarono da varie basi aeree saudite. Riyadh ha anche pagato le basi militari gestite dagli Stati Uniti sul suo territorio.

Obiettivi americano-sauditi dietro il ridispiegamento

I motivi alla base dello spiegamento delle forze statunitensi in Arabia Saudita possono essere esaminati da due aspetti. Un aspetto è la recente tensione nella regione del Golfo Persico con l’Iran. Il presidente degli Stati Uniti negli ultimi mesi ha ripristinato le sanzioni economiche contro l’Iran, incalzato per aver costretto ad azzerare le vendite di petrolio dell’Iran, accumulato le sue forze nella regione e recentemente ha spinto per un’alleanza marittima per la protezione delle navi commerciali dopo una serie di “misteriosi” attacchi nella regione. Tutte queste azioni stanno suscitando preoccupazioni per l’intensificarsi della crisi regionale. 

Certamente, nel mezzo di una situazione del genere, la Casa Bianca conta sulle sue basi in Qatar, Turchia, Iraq, Bahrain, Kuwait e Oman. Ma la forza militare iraniana e la ferma risposta alle minacce americane hanno indotto gli Stati della regione a esitare su qualsiasi contributo indiretto alle pressioni statunitensi contro l’Iran come dare a Washington il permesso di usare il loro terreno per attaccare l‘Iran. Cercano invece di disinnescare le tensioni e prevenire un’altra situazione difficile. Le probabilità sono che gli americani, consapevoli che Oman, Qatar, Iraq, Turchia, Emirati Arabi Uniti e Afghanistan, non vogliono un’altra guerra, stanno cercando di promuovere il sostegno alle loro forze in un altro Paese. 

Motivazioni interne

L’Arabia Saudita sembra essere il posto ideale al momento, ma il benvenuto di Riyadh al ritorno delle forze americane e il pagamento delle loro spese non riflettono solo l’alleanza saudita-americana o la politica estera del regno. La mossa ha una funzione interna per i sovrani sauditi. Negli ultimi dieci anni si sono preoccupati della diffusione delle rivolte arabe e del malcontento nel loro Paese. Ciò li spinge ad azioni preventive. 

Mentre il Paese sta assistendo a una nuova generazione a favore delle riforme alla ricerca di libertà politiche e sociali e le prospettive economiche non sono promettenti a causa dei pesanti costi della guerra nello Yemen e della politica estera interventista di Riyadh nella regione, la leadership, al di sopra di essa il principe ereditario Mohamed bin Salman, cerca di mettere a punto le condizioni dando alcune libertà sociali e spianando la strada per l’attrazione degli investimenti stranieri attraverso il lancio dell’iniziativa Vision 2030.

Tensioni interne

I segnali provenienti dall’Arabia Saudita sono lungi dal suggerire qualsiasi miglioramento in patria a favore della leadership. Non solo non c’è stato alcun aumento della legittimità della famiglia dominante agli occhi del pubblico saudita, ma anche la situazione è peggiorata per i leader. I conservatori religiosi che si oppongono alle riforme in stile occidentale del principe ereditario, hanno aderito all’opposizione. Aggiungete a questo l’ascesa degli avversari al principe Mohammed dai reali e le proteste delle minoranze come gli sciiti che lottano per ottenere nuove riforme.

Tutto ciò preannuncia un confronto politico più ampio in futuro. Questo è probabilmente il motivo principale per cui il re e suo figlio hanno riportato sul territorio saudita le forze statunitensi che sembrano avere una missione per fornire uno scudo di sicurezza alla leadership in caso di scoppio di proteste e persino di una ribellione. Ma una tale mossa, rispetto al piccolo numero di truppe statunitensi, serve in gran parte a scopi simbolici e propagandistici privi del potenziale per cambiare le equazioni a favore dei suoi ideatori.  

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi