Ankara in soccorso dei terroristi di Tahrir al-Sham

Visualizzazioni : 9

La Turchia intende ritardare l’attuazione dell‘accordo di Sochi nel tentativo di mantenere i terroristi di Tahrir al-Sham al-Hay’at (Fronte di Liberazione del Levante o Fronte di Al-Nusra) nella provincia di Idlib.

Tahrir-al-ShamAnkara non è riuscita ad attuare l’accordo di Sochi dopo quasi sei mesi da quando è stato raggiunto tra Turchia e Russia, secondo quanto riferito dal quotidiano in lingua araba al-Watan. L’esercito turco ha finora concentrato i suoi sforzi sulla fusione di Tahrir al-Sham al-Hay’at e del Fronte di liberazione nazionale (Fln). Il quotidiano Al-Watan ha citato alcuni esperti militari che affermano che Ankara non ha contenuto i terroristi e non ha fatto nulla per costringerli a consegnare le loro armi pesanti dalla zona demilitarizzata specificata dall’accordo di Sochi.

La Turchia, che ha stabilito 12 punti di osservazione per monitorare i gruppi terroristici e scoraggiare le loro operazioni, ha deliberatamente ritardato l’attuazione dell’accordo di Sochi per rafforzare i terroristi di Tahrir al-Sham a Idlib e nelle sue periferie.

Alla fine di febbraio, i resoconti dei media arabi hanno riferito che i funzionari dei servizi segreti turchi e i comandanti di Tahrir al-Sham al-Hay’at si sono incontrati per proteggere e mantenere il gruppo terroristico nella provincia di Idlib. Il quotidiano Al-Watan ha citato fonti vicine ai militanti che affermano che Ankara ha posto le condizioni per sostenere Tahrir al-Sham e il suo controllo su Idlib, dichiarando che dovrebbero seguire l’approccio di Ikhwan al-Muslimoun (Fratellanza Musulmana).

Le due parti hanno raggiunto un accordo che include un cambio di approccio da parte di Tahrir al-Sham. “In cambio, la Turchia ha promesso al gruppo terroristico che prolungherà l’accordo sulla zona demilitarizzata il più a lungo possibile, non parteciperà ad alcuna operazione militare congiunta contro Tahrir al-Sham e tenterà di impedire tali operazioni”.

Il documento si riferiva anche ai raid aerei dell’esercito siriano contro i terroristi nel nord e nord-ovest di Hama e Southeastern Idlib in risposta ai loro attacchi, aumentando la possibilità che le operazioni militari a Idlib sarebbero presto iniziate.

Negli ultimi giorni l’esercito turco ha inviato oltre 20 veicoli con soldati, attrezzature militari e case prefabbricate a Northern Hama e Southern Idlib per rafforzare i suoi punti occupati nella Siria settentrionale, nelle regioni vicine alle aree occupate dai terroristi di Tahrir al-Sham.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi