/ Africa / Amnesty, il Marocco liberi i manifestanti detenuti

Amnesty, il Marocco liberi i manifestanti detenuti

Redazione on 30 novembre 2017 - 02:51 in Africa, Primo Piano

Il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha lanciato un appello alle autorità del Marocco affinché rilascino più di 400 persone arrestate nel corso dell’ultimo anno, durante le proteste nel Rif a nord del regno. L’appello è arrivato dopo che il tribunale di Casablanca ha rifiutato il rilascio su cauzione per 50 dei 54 imputati.

“Le autorità marocchine devono rilasciare immediatamente e incondizionatamente il leader della protesta Nasser Zefzafi, il giornalista Hamid El-Mahdaoui e tutti gli altri detenuti in connessione con le proteste del Rif, arrestati per avere esercitato pacificamente i loro diritti umani,” ha dichiarato Amnesty International.

Da maggio, le forze di sicurezza hanno arrestato centinaia di manifestanti, compresi minori e diversi giornalisti, per le proteste in gran parte pacifiche. Almeno 410 persone sono attualmente detenute. Molti sono già stati condannati, con pene detentive fino a 20 anni, mentre altri, compresi i minori, sono stati detenuti fino a sei mesi di detenzione preventiva, nell’ambito di un brutale giro di vite sui manifestanti.

Amnesty ha riferito che Zefzafi è stato tenuto in isolamento prolungato per 176 giorni nella prigione locale di Ain Sbaa, trascorrendo oltre 22 ore al giorno in celle singole senza alcun contatto umano, mentre il giornalista Hamid El-Mahdaoui ha trascorso diverse settimane in isolamento prolungato nella stessa prigione. La maggior parte delle accuse contro il leader della protesta Nasser Zefzafi e gli altri imputati sono in contraddizione con gli obblighi del Marocco in materia di diritti umani poiché criminalizzano il pacifico esercizio dei diritti alla libertà di riunione, associazione ed espressione. La maggior parte degli imputati nel processo di Casablanca sono accusati di “incitamento”, “partecipazione” o “complicità” in disordini senza fornire alcuna prova della loro responsabilità penale individuale in atti di violenza.

Il Rif ha storicamente avuto un rapporto teso con le autorità centrali di Rabat, ed è stato al centro delle proteste ispirate alla Primavera araba del Marocco nel febbraio 2011. Gli attivisti continuano a subire arresti nella regione del Rif e le autorità continuano a imporre divieti di protesta, tra cui recentemente il 28 ottobre nelle città di Nador e Al-Hoceima nel primo anniversario della morte del pescivendolo Mouhcine Fikri. Il suo fatale schiacciamento in un camion della spazzatura mentre tentava di recuperare il pesce spada confiscato dalle autorità perché pescato fuori stagione, aveva riacceso le proteste nel movimento Hirak.

di Cristina Amoroso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi