Air Force iraniana utilizzerà più droni

air-force-droni
Visualizzazioni : 62

Il comandante dell’Air Force della Repubblica islamica dell’Iran (Iriaf), il generale di brigata Aziz Nasirzadeh, ha affermato che l’uso di più droni è all’ordine del giorno della forza aerea iraniana.

“L’uso di sistemi intelligenti, in particolare nel settore delle munizioni, nonché l’ulteriore utilizzo dei droni sono all’ordine del giorno dell’Air Force iraniana”, ha dichiarato la scorsa settimana il generale di brigata Aziz Nasirzadeh, nel corso di una cerimonia locale.

Molti anni fa, l’Iran aveva un bisogno critico di efficienti velivoli di sorveglianza di fronte all’aggressione militare ampiamente sostenuta dall’ex dittatore iracheno Saddam Hussien, nella misura in cui la Cia condivideva con Baghdad le immagini satellitari dei movimenti delle truppe iraniane.

Oggi, l’Iran è uno dei primi quattro o cinque Paesi al mondo nella produzione dii droni, secondo il comandante aerospaziale dell’Irgc, Amir-Ali Hajizadeh. Il programma droni dell’Iran si è ampliato negli ultimi anni con più di una dozzina di modelli che operano per una varietà di funzioni che vanno dalla sorveglianza alla raccolta di informazioni, al trasporto di bombe. Hanno svolto un ruolo significativo nella lotta contro i terroristi Takfiri e nel monitoraggio delle navi da guerra statunitensi nel Golfo Persico.

Noto per essere in grado di hackerare droni nemici, l’Iran attualmente possiede la più grande collezione di droni americani e israeliani catturati o abbattuti, tra cui MQ1, MQ9, Shadow, ScanEagle e RQ-170 statunitensi, nonché Hermes, Hajizade del regime israeliano.

Air Force rafforza difese aeree nel Golfo

La Repubblica Islamica dell’Iran sembra prendere molto sul serio la retorica apocalittica delle élite politiche americane che spingono per una guerra contro il Paese del Golfo. Le difese aeree della costa meridionale del Golfo sono state rinforzate dallo spiegamento di sistemi Tor-M1 di design russo. I missili Sam Talash (Fight) e Bavar 373 (clone iraniano S-300) sono in rapido dispiegamento nel sud dell’Iran. Inoltre, i sistemi di missili Sam Tabas e Raad di fabbricazione nazionale sono stati collocati anche in impianti petroliferi e siti sensibili.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi