Afghanistan. L’esercito americano si ritira lasciando un’eredità di morte ai bambini afghani

Visualizzazioni : 22

di Cristina Amoroso

Dopo 13 anni di guerra, sta per concludersi la “missione di pace” della Nato in Afghanistan, e gli Stati Uniti si preparano a ritirare dal Paese i suoi 90mila soldati, lasciando centinaia di chilometri quadrati contaminati di granate inesplose e altri ordigni sparsi dappertutto, circa 800 chilometri quadrati, secondo un rapporto del Washington Post pubblicato la scorsa settimana.

“Le vittime rischiano di aumentare bruscamente”, ha avvertito il rapporto, aggiungendo che l’esercito statunitense ha rimosso le munizioni soltanto per il tre per cento del territorio coperto dalla sua gamma tentacolare di morte. La cancellazione del resto del terreno contaminato – due volte più grande di New York City – potrebbe richiedere dai 2 ai 5 anni. I funzionari militari statunitensi dichiarono di voler ripulire i campi, ma a causa di una mancanza di pianificazione, il finanziamento non è stato ancora approvato per lo sforzo monumentale, che dovrebbe costare 250 milioni di dollari.
“Purtroppo, il pensiero è stato: ‘Siamo in guerra e non abbiamo tempo per questo’” ha dichiarato il maggiore Michael Fuller, il capo di Mine Action Center dell’esercito americano a Bagram Airfield, riferendosi alla pianificazione. Ripulire la sinistra spazzatura mortale dopo oltre un decennio di occupazione americana non è una priorità!

Intanto i bambini afghani raccolgono rottami di metallo che può essere venduto per circa 10 centesimi per libbra, nelle vicinanze di strutture militari statunitensi, come a  Bagram Airfield, nei pressi di Kabul. Ogni giorno si possono vedere i bambini vagare per un poligono di tiro enorme ai piedi di una montagna. Alcune famiglie nomadi hanno anche montato le tende all’interno del poligono di tiro. “Non c’è altro posto per noi per portare le nostre pecore”, ha detto Mohammad Raz Khan, 54 anni, facendo notare che il campo rappresentava l’unico pascolo intorno. “Ogni volta che i miei figli lasciano la tenda, sale la mia preoccupazione”. Il terreno nei pressi della struttura è di proprietà del governo afghano e distribuito ai rifugiati o a famiglie sfollate. Nelle piccole case costruite nella zona, finestre in frantumi da colpi del poligono di tiro sono tenute insieme da nastro adesivo.

Due mesi dopo che la sua famiglia si era trasferita a Bagram, Abdul Wakhil, di 12 anni, camminando intorno alla zona in cerca di legna da ardere e inconsapevolmente avvicinatosi, trenta metri dalla strada principale, ha fatto un passo sopra una granata. Una delle sue gambe è stata spazzata via. L’altra è stata amputata in un ospedale di Kabul.
Secondo il Post, la maggior parte delle vittime, l’88 per cento dei quali bambini, stavano portando i loro animali al pascolo, o raccoglievano legna da ardere, o andavano in cerca di rottami metallici.

Il mese scorso, Sayed Jawad di 14 anni, cresciuto nei pressi di un poligono di tiro usato da forze americane e polacche nella provincia di Ghazni, è stato ucciso da un ordigno esploso mentre lui vagava nel campo per raccogliere rottami di metallo da vendere. “Il lato sinistro del suo corpo è stato strappato. Ho potuto vedere il suo cuore. Le sue gambe non c’erano più,” ha detto il padre di Jawad, Sayed Sadeq, aggiungendo: “Se gli americani credono nei diritti umani, come possono permettere che questo accada?” Per quanto tempo ancora sentiremo parlare di bambini afghani che fanno una gran luce?

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi