/ Palestina / 13 anni di assedio israeliano sulla Striscia di Gaza

13 anni di assedio israeliano sulla Striscia di Gaza

Elisa on 26 gennaio 2019 - 03:45 in Palestina, Primo Piano

La Striscia di Gaza, assediata e isolata dal resto del mondo dal 2006, anno in cui Hamas salì al potere tramite processo elettorale, è abitata da 1.957.194 palestinesi così distribuiti: 738.332 a Gaza City, 319.481 nel nord della Striscia, 257.239 nella fascia centrale, a sud 243.894 (Rafah) e 380.203 (Khan Yunis).

Striscia-di-gazaGli effetti dell’isolamento imposto da Israele, con l’assenso internazionale:

– il 40% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà;

  • l’80% vive in stato di dipendenza dall’assistenza internazionale;
  • nel 73% delle famiglie si registra un aumento dei casi di violenza di natura sociale;
  • oltre il 50% dei bambini ha bisogno di sostegno psicologico;
  • 922mila sono profughi e hanno bisogno di assistenza;
  • il 55% della popolazione soffre di depressione.

Per tutti c’è bisogno di cibo, acqua, cure mediche, istruzione, rifugio, sicurezza di base, protezione. Sei famiglie su 10 soffrono di insicurezza alimentare: il 27% in misura preoccupante.

L’economia è deteriorata:

  • 60% è il calo nel settore dell’edilizia;
  • il Pil è calato del 50%;
  • il reddito pro capite è inferiore del 32% rispetto a quello del 1994;
  • le esportazioni sono scese fino a segnare il 4%;
  • il tasso di disoccupazione segna il 43%. E’ il più alto al mondo: il 63% tra le donne, il 37% tra gli uomini e il 62% tra i ragazzi.

In 13 anni di assedio, tre vaste guerre si sono state scatenate contro Gaza

Migliaia di vittime e feriti e altrettante abitazioni, ospedali, scuole, luoghi di culto sono stati distrutti. Fino a gennaio 2016 la comunità internazionale ha adempiuto agli impegni presi per la ricostruzione di Gaza per un 40%.

Lo stato dei servizi base:

  • La corrente elettrica viene interrotta a Gaza tra le 12 e le 16 ore ogni giorno;
  • Solo il 40% degli abitanti della Striscia di Gaza ha un’erogazione continuativa di acqua tra le 4 e le 8 ore e ogni 3 giorni;
  • 90mila metri cubi di acque reflue scolano giornalmente nel Mar Mediterraneo;
  • A Gaza il 95% dell’acqua non è potabile;
  • I servizi ospedalieri operano per meno del 40% delle proprie potenzialità;
  • Nel più grande ospedale della Striscia di Gaza (Al-Shifa’) alcuni interventi vengono posticipati anche di 18 mesi.

Restrizioni di movimento

  • Si registra un calo del 75% dei permessi di transito dal valico di Erez rispetto al 2005;
  • I casi permessi restano molto limitati: umanitario, malattia, operatori Unrwa;
  • A novembre 2015 Israele ha ristretto ulteriormente questi permessi fino a vietare il transito a malati e sofferenti d’età inferiore ai 55 anni;
  • Nel 2015 il valico di Rafah ha aperto solo 20 giorni.

La volontà dello “Stato di Israele” di continuare a mantenere illegalmente lo stato d’assedio sulla Striscia di Gaza è una manifesta violazione dei Diritti Umani dei palestinesi e una gravissima violazione del diritto umanitario.

Dati Euro-Mediterranean Human Rights Monitor

di Redazione

Comments are disabled

Comments are closed.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi