/ Asia / Iran, un mondo tutto da scoprire tra fascino e cultura

Iran, un mondo tutto da scoprire tra fascino e cultura

Redazione il 8 marzo 2017 - 01:30 in Asia, Primo Piano

L’Iran di oggi, quello vero, fatto di gente, imprese e cultura, è un Paese assai diverso da quello immaginato dai più. Vasto 1.648mila km2, in Iran vivono oltre 77 milioni di abitanti; una popolazione giovane e altamente scolarizzata con 4 milioni di studenti universitari e 43 milioni di utenti internet.

IranCon un’età media di 29 anni, ha a disposizione una forza lavoro elevata quanto qualificata a sostegno di un’economia differenziata. Malgrado abbia le seconde riserve mondiali di gas e le quarte di petrolio, l’Iran non è infatti un “petrostato” e deriva dagli idrocarburi il 15% del proprio Pil (il 18° al mondo); una fetta certamente consistente, ma che si affianca a molte altre attività industriali, come il settore delle autovetture e quello farmaceutico.

Molti ignorano che il Paese ha un considerevole comparto automobilistico che vale oltre il 10% del Pil e comprende alcune grandi industrie (Bahman Group, Iran Khodro e Saipa); accanto ad esso vi è una farmaceutica che vale miliardi di dollari.

Ovviamente vi è il settore estrattivo e petrolchimico: prima che le sanzioni bloccassero gran parte delle esportazioni, l’Iran collocava all’estero 2,3 milioni di barili/giorno di petrolio, scesi dopo a poco più di uno. Adesso, a seguito di una miriade di contratti e accordi stipulati dopo l’intesa sul programma nucleare raggiunta a Vienna, tale produzione salirà di 500mila b/g ed entro sei mesi di un milione. Lo stesso vale per la produzione di gas, di cui, come dicevamo, l’Iran detiene le seconde riserve mondiali dopo la Russia.

E non basta: in Iran sono innumerevoli e massicce le iniziative che stanno partendo nel settore petrolchimico, con la raffinazione e la produzione di derivati degli idrocarburi.

A queste attività s’aggiunge un’agricoltura sempre più modernizzata che, grazie alla fine dell’isolamento, s’accinge a inondare di prodotti non solo l’intera area del Golfo, assai scarsa di risorse alimentari, ma anche la Russia e molti Paesi dell’Asia Centrale e dell’Estremo Oriente. Si segnala poi un notevole dinamismo nel settore dell’edilizia e del terziario, favorito quest’ultimo dall’alto livello di scolarità della forza lavoro.

A completare il quadro c’è il turismo, stimolato dall’immenso patrimonio culturale racchiuso in siti d’inestimabile valore e da bellezze paesaggistiche che non temono confronti. Per valorizzare quei tesori sono in corso decine d’iniziative da parte delle più grandi società turistiche ed alberghiere internazionali. E poi c’è tutto il fermento culturale di una società anagraficamente giovane, fatto di manifestazioni, eventi, festival, pubblicazioni, film, che fioriscono a ritmo sempre più fitto.

In questo quadro non stupisce che la Banca Mondiale abbia stimato che nel prossimo triennio l’Iran crescerà almeno del 5-5,5% all’anno, con la creazione di cinque milioni di nuovi posti di lavoro nei prossimi 5 anni. Ed è una stima prudenziale se si considera che solo adesso, cessate le sanzioni, si stanno cominciando a intravedere le potenzialità di un grande Paese, stabile, ricco di materie prime e con una forza lavoro altamente qualificata. E aggiungiamo, straordinariamente ricco di cultura.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi